Viareggio Cup, Hellas Verona Pavanel: ”Contento per la vittoria ma dobbiamo crescere” (video)

L’allenatore della Primavera dell’Hellas Verona Pavanel, intervistato dal sito ufficiale hellasverona.it, ha commentato la partita vinta oggi al Torneo di Viareggio. Ecco le parole di mister Pavanel sulla vittoria dei suoi ragazzi: “La prestazione mi ha convinto a metà. Durante la rifinitura mi ero arrabbiato perché non avevo visto l’atteggiamento giusto, e avevo ragione. Poi nell’intervallo mi sono fatto sentire, i ragazzi hanno reagito bene e abbiamo fatto un buon secondo tempo. In qualche modo i 3 punti sono arrivati, il primo tempo non mi è piaciuto, siamo partiti molli, lenti. Abbiamo facilitato il loro gioco con scelte e conclusioni sbagliate. Il secondo tempo è andata molto meglio, abbiamo creato tanto e abbiamo vinto meritatamente. E’ ovvio che qua, alla Viareggio Cup, la differenza reti può contare molto, però intanto portiamo a casa questi 3 punti, poi si vedrà. Dovevamo fare qualche gol in più, però nella ripresa abbiamo fatto bene”.

L’allenatore si è poi soffermato sulla prossima partita del girone contro il Napoli: “Finché non le sblocchi, queste partite sono difficilissime. Ricordo che l’anno scorso, quando abbiamo affrontato il New York, siamo riusciti a fare subito 4 gol, è chiaro che poi la partita è stata tutta in discesa. Loro l’anno scorso hanno battuto il Psv e perso 1-0 con l’Empoli. Quest’anno abbiamo fatto fatica. Era fondamentale partire con i 3 punti, così adesso possiamo giocarcela fino all’ultimo secondo nella seconda partita, siamo in corsa. Adesso tocca al Napoli, anche se dovesse andare male ce la potremo giocare anche con gli uzbeki. Che partita sarà mercoledì? Mi auguro che sarà una partita migliore dal punto di vista tecnico, speriamo che qualche nostro giocatore importante migliori dal punto di vista della condizione e che sia più presente di testa. Speriamo di rendere la vita difficile al Napoli, che resta una delle migliori squadre in Italia”.

Infine, Pavanel ha espresso un pensiero su alcuni suoi giocatori: “Salifù? E’ il più forte centrocampista che abbiamo nelle due fasi, ha un grosso problema al tendine, sembrava a posto ma dopo un po’ ha chiesto il cambio. Credo che per lui il torneo sia finito, cercheremo di recuperarlo per il campionato, abbiamo obiettivi importanti anche lì. Purtroppo perdere Salifù al Viareggio è un bel problema. Il mio cambio tattico? L’intenzione è quella di far giocare Fares sulla fascia, come ha provato in allenamento con la prima squadra. Deve trovare la posizione giusta, quando lo vedo in difficoltà gli metto qualcuno vicino, per liberarlo anche mentalmente. Sappiamo benissimo che Fares è un ragazzo strepitoso: ha un cuore d’oro, ma è particolare, va lavorato col bastone e la carota”.

Leave a Comment

(required)

(required)