Verona, emergenza in avanti: Mandorlini chiama Speri tra i grandi

E’ emergenza continua per un Hellas Verona perseguitato dalla sfortuna. Dopo gli infortuni che hanno privato il centrocampo di Halfredsson, Romulo e Ionita e costretto la società a porre rimedio tesserando lo svincolato Matuzalem, adesso  il reparto ridotto all’osso è quello offensivo. L’eterno bomber Toni dovrà osservare un periodo di stop di almeno due mesi e si aggiunge nell’infermeria a Pazzini e Fares, altri assenti di un attacco martoriato dai problemi fisici. Gli unici giocatori disponibili al momento sono Siligardi e Gomez, due con caratteristiche offensive ma tutt’altro che prime punte. Un bel dilemma per Mandorlini, costretto a pescare da una Primavera che dopo la partenza di Cappelluzzo, volato a farsi le ossa a Pescara, quest’anno non presenta giocatori con caratteristiche da prima punta. Per tamponare l’emergenza, il tecnico degli scaligeri ha aggregato alla Prima Squadra il giovane Alessandro Speri, centrocampista classe ’96 che in caso di bisogno potrà dare supporto agli attaccanti con le proprie qualità tecniche. Speri si allena con i grandi – così come Davide Riccardi – in attesa di una molto probabile convocazione in vista del derby con il Chievo di sabato.

Leave a Comment

(required)

(required)