Udinese, il punto sul mercato in uscita: dubbi Faraoni e Marsura

Si anima il mercato in uscita in Friuli. l’Udinese di Giampaolo Pozzo ha iniziato un processo di piazzamento dei suoi giovani talenti per dar loro la possibilità di fare esperienza e migliorare, tecnicamente e professionalmente, in altre squadre. C’è chi va via con certezza, e chi ancora non sa la propria destinazione. Partiamo dal  trasferimento più discusso, cioè quello (ormai del tutto sfumato) di Simone Scuffet all’Atletico Madrid: operazione che non si farà più, come sappiamo, per scelta della famiglia del ragazzo, che vuole coltivare il talento del proprio figlio ad Udine. E Scuffet non sembra rimpiangere la scelta di restare nella sua città natale: il giovane portiere classe ’96 pare sia stato d’accordo sin dall’inizio con la scelta dei suoi genitori di lasciarlo crescere nella sua città (dove dovrà peraltro terminare le superiori, ndr). “Di fronte ad un’offerta importante bisogna valutare tutto, ma io sono convinto della mia scelta e credo che Udine sia il posto giusto per crescere umanamente e professionalmente. Mi sono confrontato con la società, con il mio agente e con persone della mia famiglia. Poi ho deciso”, queste le sue parole ai microfoni di tuttoudinese.it: insomma, il ragazzo è felice di restare, e almeno per questa stagione estiva non ci saranno nuove voci di mercato pronte ad affiancarlo a qualche altro club. C’è chi invece ha già fatto le valigie da giorni ed è già immerso nella sua nuova avventura: parliamo dei Primavera bianconeri Roberto Codromaz, Marco Moras ed Enes Hoxha. Il primo è già in ritiro con la Feralpi Salò, con la quale peraltro ha disputato un’amichevole a Dimaro contro il Napoli di Rafa Benitez, e da inizio stagione lo si potrà ammirare in Lega Pro con la maglia della compagine di Lonato del Garda; gli altri due si sono già stabiliti a Roma dopo che è stato definito il loro trasferimento alla Lupa Roma, inoltre da oggi inizia il ritiro estivo per la società romana, dunque anche loro si ritroveranno in questi giorni a preparare la stagione successiva con massimo impegno, cercando di dimostrare quanto valgono. Dubbi invece per Davide Faraoni e Davide Marsura. Il terzino classe ’91 è appena tornato dal prestito in Inghilterra al Watford, e rappresenta un punto interrogativo per la società friulana: il ragazzo fu lanciato in Serie A con la maglia dell’Inter proprio da Andrea Stramaccioni, attuale mister della prima squadra bianconera, il quale vorrebbe del tempo per valutare la situazione e in caso aggregarlo alla rosa attuale; su di lui però c’è l’interesse dell’Hellas Verona di Andrea Mandorlini. Per quanto riguarda l’attaccante classe ’94, si parla di un approdo a Genova sponda rossoblù, con la formula del prestito con diritto di riscatto, dopo la stagione alla Feralpi Salò.

Leave a Comment

(required)

(required)