SPECIALE LARGO AI GIOVANI a�� Riforma Tavecchio, come cambia la Serie A: Milan

La Federazione italiana ha recentemente partorito la nuova riforma voluta con forza dal presidenteA�Carlo TavecchioA�per rilanciare il movimento calcistico del nostro paese. Le nuove norme costringeranno le squadre dellaA�Serie AA�ad apportare alcune importanti modifiche ai propri organici, visto che il numero massimo di giocatori in rosa A? stato fissato a 25 e sono stati inseriti degli obblighi riguardanti i giovani cresciuti nel vivaio (dovranno essere almeno quattro) e quelli cresciuti in un altro vivaio italiano (minimo quattro): tutti dovranno essere a�?over 21a�? e comunitari. Inoltre non A? previsto nessunA�limite per la��inserimento dei piA? giovani in prima squadra. PiA? specificatamente gli otto elementi dovranno provenire da un vivaio in cui sono stati formati tra i 15 e i 21 anni, continuativamente per 3 anni oppure per 36 mesi complessivi nei casi in cui siano stati girati in prestito durante il periodo preso in considerazione. Nella��edizione odierna la redazioneA�MondoPrimavera.itA�parlerA� della formazioneA�Milan, analizzeremo la situazione della formazione rossoneraA�in maniera dettagliata, in questo articolo chiamato “Speciale largo ai giovania�?.

Ecco la situazione nel dettaglio, con evidenziata in rosso la parte non in linea con la riforma, ed in verde la situazione che, al contrario, ci rientra:

NUMERO DEI GIOCATORI IN ROSA:

Per quanto riguarda il numero dei giocatori in rosa, con il giovane Mastour e l’arrivo di Cerci, il numero ammonta a 28 giocatori. Questo numero non A? conferme con gli standard previsti dalla riformaA�Tavecchio. Pertato la rosa rossonera andrebbe sfoltita di almeno 4 giocatori per far posto ad almeno over 21 cresciuti nel vivaio che si aggiungo a Ingazio Abate,A�Mattia De Sciglio e Michelangelo Albertazzi.

GIOCATORI FORMATI NEL VIVAIO

Anche in questo punto il Genoa non soddisfa gli standard richiesti poichA? sono solo due i giovani over 21 cresciuti nel vivaio, e sono i difensori Ingazio Abate (classe 1986),A�Mattia De Sciglio (classe 1992) e Michelangelo Albertazzi (classe 1992). Dovrebbe integrare almeno un altro giocatore per rientrare fra un paio di anni negli standard della riforma ideata da Tavecchio. Questi giocatori mancanti potrebbero essere i ragazzi dati in prestito a squadre di serie B.

GIOCATORI FORMATI IN UN ALTRO VIVAIO ITALIANO:

In questo punto il MilanA�A? ben coperto A�poichA� ha nella rosa ben 10 giocatori cresciuti in vivai italiani, 6 in piA? dei quattro richiesti. I calciatori in questione sono: AgazziA�(Atalanta), AbbiatiA�(Corsico),A�BoneraA�(Brescia), ZaccardoA�(Bologna), Montolivo (Atalanta)A�PoliA�(Treviso),A�SaponaraA�(Empoli),A�BonaventuraA�(Atalanta),A�El SharaawyA�(Genoa) eA�PazziniA�(Atalanta).

-GIOVANI DI PROPRIETAa�� O DELLA PRIMAVERA CHE POTREBBERO ESSERE PROMOSSI:

I giovani che potrebbero rientrare nella legge sonoA�diversiA�poichA� il MilanA�ha sempre avuto un buon settore giovanile competente e competitivo. Nei piani futuri del Milan, ma dal 2019, potrA� rientrare l’attaccante classe 1998 Hachim Mastour, giA� aggregato alla prima squadra. Inoltre buoni propositi giungono dalla Primavera: A�il portiereA�classe 1999 Donnarumma, il capitano e centrocampista della Primavera, Mastalli (classe 1996) e Di Molfetta, veterano della Primavera classe 1996. Questi ultimi due giocatori potrebbero rientrare nella riforma Tavecchio a partire dal 2017. Inoltre bisogna tenere in considerazione anche iA�giovani di proprietA� che potrebbero rientrare dal prestito. Per i giovani under 21 in prestito in serie B abbiamoA�Petagna, Simic,A�Pinato e Benedicic Bactefort . Tutti e quattro classe 1995 ma arruolabili a partire dal 2016. Inoltre il Milan ha in prestito giocatori arruolabili giA� dalla prossima stagione e che rientrano nei parametri della riforma Tavecchio. Pensiamo adA�Alessandro Matri, cresciuto nel vivaio rossonero, Berretta e Ganz, rispettivamente in prestito a Pro Vercelli e Como A�e, per finire, anche il classe 1992 Comi, in prestito all’Avellino .

Attachment

matri milan

Leave a Comment

(required)

(required)