Speciale a�?Largo ai giovania�? a�� Riforma Tavecchio, come cambia la Serie A: Lazio

Speciale a�?Largo ai giovania�? a�� Riforma Tavecchio, come cambia la Serie A: Lazio

La Federazione italiana ha recentemente partorito la nuova riforma voluta con forza dal presidenteA�Carlo TavecchioA�per rilanciare il movimento calcistico del nostro paese. Le nuove norme costringeranno le squadre dellaA�Serie AA�ad apportare alcune importanti modifiche ai propri organici, dato che il numero massimo di giocatori in rosa A? stato fissato a 25 e sono stati inseriti degli obblighi riguardanti i giovani cresciuti nel vivaio (dovranno essere almeno quattro) e quelli cresciuti in un altro vivaio italiano (minimo quattro): tutti dovranno essere a�?over 21a�? (non ca��A? limite per la��inserimento dei piA? giovani in prima squadra) e comunitari. PiA? specificatamente gli otto elementi dovranno provenire da un vivaio in cui sono stati formati tra i 15 e i 21 anni, continuativamente per 3 anni oppure per 36 mesi complessivi nei casi in cui siano stati girati in prestito durante il periodo preso in considerazione. Da oggi in poi la redazione diA�MondoPrimavera.itA�effettuerA� una��analisi, chiamata a�?Speciale Largo ai Giovania�?, per ogni squadra del massimo campionato, in modo da avere un quadro della situazione dettagliato. La squadra ad essere analizzata oggi A? la Lazio di mister Stefano Pioli.

Ecco la situazione nel dettaglio, con evidenziata in rosso la parte non in linea con la riforma, e in verde la situazione che, al contrario, ci rientra.

NUMERO DEI GIOCATORI IN ROSA: i biancocelesti contano al momento ben 31 giocatori in rosa, ovvero 5 in piA? rispetto a quelli previsti dalla riforma. Nel conteggio non bisogna comunque considerare gli Under 21 Strakosha (terzo portiere) e Keita (attaccante). Da a�?eliminarea�? anche giocatori presenti nella rosa ufficiale, ma che sono stati titolari fissi in Primavera, facendo qualche sporadica apparizione in prima squadra: si tratta del portiere classe a��96 Guerrieri e della��attaccante classe a��96 Tounkara, quasi mai convocato. Il conteggio totale, al netto dei nomi appena citati, scenderebbe quindi a 27, con due soli esuberi rispetto al numero previsto dalla riforma.

GIOCATORI FORMATI NEL PROPRIO VIVAIO: la Lazio, cosA� coma��A? nella stagione in corso, soddisfa la soglia dei 4 giocatori cresciuti nel vivaio biancoceleste per 3 anni o 36 mesi complessivi. In rosa ci sono infatti Keita Balde Diao, Danilo Cataldi, Luis Pedro Cavanda e Eddy Onazi. Tutti e 4 hanno giocato nella Lazio dopo i 15 anni di etA� e per almeno 36 mesi complessivi. Nota: i giocatori diventerebbero 5 considerando anche il portiere Guido Guerrieri, di cui si A? parlato e precisato sopra.

GIOCATORI FORMATI IN UN ALTRO VIVAIO ITALIANO: il club biancoceleste anche in questo caso soddisfa la soglia prevista, ovvero quella di 4 giocatori cresciuti in un altro vivaio italiano. Sono, nello specifico, 5: Marchetti, Candreva, Mauri, Parolo, Konko.

GIOVANI DI PROPRIETAa�� O DELLA PRIMAVERA CHE POTREBBERO ESSERE PROMOSSI: Questo punto puA? essere diviso in tre categorie ben distinte che rispondono a tre domande, ancha��esse ben distinte: chi sono i giovani della Primavera piA? pronti per il salto in prima squadra? Chi sono i giocatori formati nel vivaio della Lazio in prestito? Chi sono i giocatori di proprietA� dei biancocelesti in prestito, formati perA? in altri vivai italiani? Rispondiamo gradualmente.

La Primavera biancoceleste A? tra le piA? forti del panorama nazionale, a testimoniarlo sono i trofei vinti questa��anno: una Supercoppa e una Coppa Italia, la seconda consecutiva. Sono diversi i giocatori che il prossimo anno potrebbero essere aggregati alla Prima squadra, proviamo a fare qualche nome. In lizza ci sono sicuramente il portiere classe a��96 Guido Guerrieri (che potrebbe diventare il nuovo terzo se Strakosha venisse ceduto), il terzino destro a��95 Gianluca Pollace, il difensore centrale a��96 Franjo Prce, il centrocampista a��96 Alessandro Murgia, nonchA� il tridente titolare, formato da Mamadou Tounkara (a��96), Bactefort Simone Palombi (a��96) e Chris Oikonomidis (a��95). Sono questi i calciatori che si sono messi piA? in mostra nei rispettivi ruoli e che la societA� potrebbe valutare come elementi adatti al grande salto, anche se ovviamente non saranno piA? di 2 o 3 ad essere effettivamente a�?promossia�?.

Venendo poi ai tanti calciatori attualmente in prestito, spiccano subito i nomi di LucaA�Crecco (a��95), CristianoA�Lombardi (a��95) e LorenzoA�Filippini (a��95), tre punti fermi della Primavera che vinse lo Scudetto nel 2013. Tutti e tre si sono formati nel vivaio laziale, ma quello che ha piA? possibilitA� di tornare alla base per rimanerci A? Luca Crecco, visto il brillante percorso effettuato alla Ternana. Ca��A? poi Joseph Minala (a��96), cresciuto alla Vigor Perconti, che potrebbe rientrare nel giro della Prima squadra.

Gli altri 4 giovani in prestito, cresciuti nel vivaio della Lazio, hanno possibilitA� pressochA� nulle di vestire la maglia biancoceleste il prossimo anno, e per loro verranno con tutta probabilitA� confermati i prestiti o trovata una nuova sistemazione.

Per quanto riguarda i giovani cresciuti nel vivaio della Lazio, si parla in particolare di: Berardi, Ilari, Zampa, Rozzi. Elez e Vinicius non possono invece essere presi in considerazione in quanto formatisi in un vivaio estero.

Leave a Comment

(required)

(required)