Roma, il punto sul girone d’andata: giallorossi primi e imbattuti, gran gruppo trascinato da un super Verde

  • Simone Negri
  • in ,

La stagione 2014/15 della Roma comincia in estate con l’avventura al “Durban Football Tournament”, importante manifestazione giovanile alla quale i giallorossi prendono parte per fare esperienza in vista della partecipazione alla UEFA Youth League di quest’anno. La squadra di mister Alberto De Rossi si presenta ai nastri di partenza del campionato Primavera con una rosa diversa rispetto a quella della scorsa stagione: lasciano la squadra in tanti, compresi giovani importanti come i gemelli Ricci, Balasa, Boldor, Mazzitelli, Battaglia, Cedric e Berisha, mentre diversi nuovi innesti provengono dagli Allievi Nazionali. La prima giornata di campionato vede i giallorossi di scena sul campo del Livorno, espugnato con uno 0-2 firmato Taviani e Adamo, mentre alla seconda il Palermo viene travolto a Trigoria con un pesante 4-0 con Verde in evidenza autore di una doppietta. Intanto, è già tempo di Youth League: la prima assoluta della Roma nella competizione è buona, visto il 3-1 con il quale i ragazzi di De Rossi regolano il Cska Mosca. Anche il campionato procede a gonfie vele: i giallorossi battono il Catania per 3-0 e l’Avellino per 4-1, mentre pochi giorni dopo conoscono la prima sconfitta stagionale perdendo 2-1 in casa del Manchester City.
Lo stop in Youth League non compromette il cammino in campionato, in quanto la Roma riprende da dove aveva lasciato: vincendo. L’Empoli cade 2-1 sotto i colpi di Ferri e Soleri, mentre tre giorni più tardi è il Bayern ad arrendersi di misura ai capitolini. La fine di ottobre regala due derby consecutivi: il primo, quello regionale, mette i giallorossi di fronte al Frosinone, regolato con un netto 0-3 che porta le firme di Soleri (doppietta) e del giovanissimo Marchizza. Il secondo, invece, è il derby della Capitale contro i rivali di sempre della Lazio: la Roma inizia forte e si porta subito in vantaggio, ma subisce la rimonta biancoceleste e riagguanta il match per i capelli grazie alla rete di Soleri nel finale di gara. I ragazzi guidati da De Rossi si rifanno pochi giorni dopo, travolgendo a domicilio la Ternana con un pesante 2-5 che ridà fiducia alla truppa in vista dell’importante sfida in casa del Bayern. A Monaco, però, qualcosa va storto: la Roma si porta avanti di due reti ma soffre un black-out improvviso che spiana la strada alla rimonta dei bavaresi, vittoriosi a fine gara per 3-2. Il cammino in Youth League si fa difficile e la qualificazione, arrivati alla quarta giornata del torneo, è in bilico.

Intanto, il campionato procede a gonfie vele e il Latina viene superato agilmente con un 3-0 siglato da Adamo (due volte a segno) e Di Mariano. Dopo aver battuto i nerazzurri, è di nuovo tempo di Youth League e la sfida di Mosca diventa un crocevia fondamentale per il prosieguo della stagione. La Roma non fallisce l’appuntamento, dimostrandosi squadra matura e pronta a lottare per grandi obiettivi: Di Livio e Verde regolano il Cska e consegnano alla formazione capitolina la qualificazione agli ottavi di finale con un turno di anticipo.
Tornata a concentrarsi esclusivamente sul campionato, la squadra giallorossa si presenta in casa del Bari – secondo in classifica – con la consapevolezza dei propri mezzi e la sfida sorride alla Roma, che esce vittoriosa da un pirotecnico 3-4 nel quale Verde si erge ad assoluto protagonista, firmando una tripletta di gran qualità con tre imprendibili conclusioni dalla distanza. La vittoria in casa dei pugliesi e quella seguente, un 5-0 in Coppa Italia con il Parma, fanno abbassare la guardia ai ragazzi di De Rossi, i quali per due partite consecutive non vanno oltre il pareggio – contro Napoli e Vicenza – e poi crollano in casa per 0-4 contro il Manchester City nell’ultimo (e fortunatamente inutile ai fini della classifica) match del girone di Youth League. L’ultima sfida del girone d’andata contro il Crotone offre l’antipasto ideale per la Roma in vista del big match di Coppa Italia contro l’Inter: i giallorossi travolgono 3-0 i calabresi (doppio Vestenicky), e si presentano all’appuntamento con i nerazzurri decisi ad approdare in semifinale. L’Inter, prima in classifica nel girone B del campionato, rappresenta un avversario di tutto rispetto per la Roma, che riesce comunque ad avere la meglio al termine di un match praticamente senza storia che si conclude sul 3-1 e consente ai padroni di casa di strappare il pass per le semifinali.

Roma Andamento Andata

Una prima parte di stagione praticamente perfetta, dunque. Ma qual è il segreto della Primavera giallorossa? Probabilmente, la forza della Roma sta tutta nella rosa completa a disposizione di De Rossi, il quale ha l’imbarazzo della scelta riguardo ai giocatori da schierare ad ogni partita. Formata da un gruppo solido, la Roma dispone anche di talenti dal sicuro avvenire come Verde, vero e proprio trascinatore in questo girone d’andata con 11 reti complessive messe a segno tra campionato, Youth League e Coppa Italia. Il giovane esterno offensivo non è però il solo punto di forza di un attacco completo formato dai vari Soleri, Ferri, Di Mariano, Di Livio, Taviani e Vestenicky, tutti a segno in almeno un’occasione. In grande spolvero anche Adamo, assoluto padrone della cabina di regia e sempre pericoloso con i suoi inserimenti in fase offensiva, ben supportato da D’Urso e Pellegrini e da una difesa ferrea comandata con grande diligenza tattica dalla coppia CapradossiCalabresi. Impossibile non menzionare anche l’estremo difensore Marchegiani, spesso autore di grandi parate che hanno consentito alla Roma di portare a casa risultati importanti: un caso su tutti, il rigore parato in casa del Bari sul risultato di 2-1 per i pugliesi, che ha tenuto vive le speranze di rimonta dei giallorossi.

Una squadra completa in tutti i reparti, che si affaccia ad un 2015 che sicuramente, continuando su questi ritmi, potrà regalare ai tifosi giallorossi un’annata piena di soddisfazioni. Dopo un girone d’andata straordinario, la Roma è una delle grandi favorite in campionato ed è in corsa su tutti i fronti (Coppa Italia e Youth League): il Triplete è molto difficile, ma con un gruppo così, sognare è lecito…

 

Leave a Comment

(required)

(required)