Primavera Tim Cup, Empoli-Napoli 2-0: azzurri avanti con maturità, partenopei eliminati

LA PARTITA

Mercoledì mattina di calcio Primavera al Centro Sportivo di Monteboro, con EmpoliNapoli che apre il programma del primo turno della Primavera Tim Cup 2015/2016. La prima sfida stagionale tra le due formazioni, inserite entrambe nel Girone C del campionato, vede le due squadre arrivare con stati d’animo opposti: gli azzurri di casa cercano conferme dopo il bel successo ottenuto contro il Frosinone, mentre i partenopei vanno a caccia di un pronto riscatto dopo il pesante k.o. casalingo rimediato contro la Roma. Match che si annuncia quindi interessante e ricco di spunti, con la gara unica che mette in palio l’accesso al secondo turno della manifestazione. Gli inviati di MondoPrimavera sono sul campo per raccontarvi la cronaca del match, con le pagelle e alle parole dei protagonisti. Il Sig. Pagliardini fischia il calcio d’inizio, e Empoli-Napoli può ufficialmente avere inizio.
La gara inizia con le marce decisamente basse, con nessuna delle due squadre in grado di creare azioni degne di nota. L’unico brivido lo regala il portiere partenopeo Gionta, che scambia in maniera un po’ avventata con Palumbo rischiando di regalare il pallone agli avversari sotto la pressione di Manicone; la palla viene respinta corta, Damiani la raccoglie all’altezza delle trequarti indirizzandola verso Tchanturia che però non riesce a girarla verso la porta, con il numero uno del Napoli che stava comunque recuperando la posizione. Il Napoli si fa vedere al 14’, quando Granata si coordina per una splendida rovesciata sugli sviluppi di un’azione di calcio d’angolo; gesto tecnico pregevole, che però finisce lontano dal bersaglio grosso. Al 16’ Giacomel rischia di imitare il collega, con un disimpegno complicato con i piedi del quale per poco non approfitta Selva, ma le occasioni continuano a latitare per un match che stenta a prendere quota. Per vedere il primo vero tiro in porta del match dobbiamo attendere fino al 23’, quando è Selva a provarci con una conclusione da dentro l’area: il tiro del numero 9 ospite è centrale, Giacomel non si fida della presa sul pallone reso viscido dalla piogga e respinge con i pugni, sventando la minaccia. Il Napoli adesso preme, e si rende pericoloso un minuto più tardi: Carcatella e Liguori combinano al limite dell’area, il numero 7 calcia di prima intenzione dopo aver chiuso il triangolo ma trova l’ottima risposta di Giacomel, che col piede neutralizza il possibile vantaggio partenopeo. L’Empoli adesso fatica a uscire dalla propria metà campo, ma il Napoli non sfrutta un paio di buona chance su palla vagante nel cuore dell’area degli azzurri di casa, che provano a reagire non riuscendo però a creare pericoli dalle parti di Gionta. È ancora il Napoli invece a farsi vedere in avanti, con un propositivo Liguori che ci prova da posizione defilata trovando Giacomel ancora una volta attento alla deviazione in corner. Al 38′, dopo un’altra fase di match grigio almeno quanto il cielo empolese di quest’oggi, arriva il lampo che scuote la gara: Zappella ci prova col destro dai venti metri, una conclusione non irresistibile che però viene resa insidiosa dal terreno bagnato; Gionta non riesce a trattenere, e Di Leo si avventa come un falco sulla respinta per ribadire in rete il gol del vantaggio dell’Empoli. Il primo tempo di Empoli-Napoli si conclude dunque con i padroni di casa avanti col risultato di 1-0, al termine di 45′ non indimenticabili che premiano il cinismo dei toscani, capaci di colpire nell’unica occasione avuta a disposizione.
La ripresa di Empoli-Napoli comincia a spron battuto, regalando più occasioni nei primi dieci minuti di quelle viste nel corso di tutto il primo tempo. Al 48’ un ispiratissimo Di Leo scuote la traversa con un destro potentissimo, inserendosi sul secondo palo e mancando di un soffio il gol del raddoppio. Pochi minuti più tardi arriva la risposta del Napoli, con una combinazione Palumbo-Spavone che libera al tiro il numero 8 ospite: il centrocampista partenopeo si trova però la strada sbarrata dall’ottimo intervento di Giacomel, che si distende con grande reattività volando a deviare in corner il tiro destinato all’angolino basso alla sua sinistra. L’inizio frizzante viene legittimato dal gol, che arriva al 55’ a sancire il raddoppio dell’Empoli: Barsotti calcia col mancino una punizione dalla sinistra, Manicone svetta di testa e prolunga sul secondo palo dove Zini è ben appostato, pronto a depositare in rete il più facile dei tap-in di testa che vale il raddoppio empolese. Il Napoli sembra accusare il colpo, mentre l’Empoli gestisce con apparente sicurezza il doppio vantaggio; gli ospiti tornano a farsi vedere al 65’, quando Zini calcola male la traiettoria del pallone su un lancio dalle retrovie, facendosi rubare il tempo da Liguori. Il centrale di casa però è bravo a rimediare all’errore di valutazione, usando il fisico sull’esterno avversario e sbilanciandolo quel tanto che basta al momento della conclusione a tu per tu con Giacomel. Il match scorre senza troppi sussulti, con l’Empoli che controlla senza affanno e non disdegna qualche sortita offensiva che però non crea troppi brividi dalle parti di Gionta. Al 77’ tra i locali si rivede Meroni, che torna in campo dopo l’infortunio che lo aveva tenuto ai box nelle prime gare stagionali, mentre all’82’ arriva il tiro in porta che si è fatto attendere per una buona porzione della ripresa: è Tchanturia a provarci dalla distanza, chiamando Gionta alla deviazione in corner. Dopo tre minuti di recupero il direttore di gara fischia il triplice fischio finale: Empoli-Napoli finisce 2-0, con i toscani che si impongono con cinismo e personalità, legittimando i notevoli segnali di crescita già fatti intravedere contro il Frosinone. Il Napoli invece ha fatto poco per evitare il k.o. esterno, che elimina i partenopei dalla Primavera Tim Cup; per l’Empoli invece il cammino continua, e i toscani troveranno al secondo turno la vincente della sfida tra Crotone e Avellino.

IL TABELLINO

Marcatori: 38′ Di Leo, 55′ Zini

Empoli: Giacomel; Carradori (77′ Meroni), Borghini, Zini; Barsotti; Zappella, Damiani, Di Leo (73′ Bellini); Mosti (84′ Chiti); Tchanturia, Manicone. A disp.: Pellegrini, Seminara, Giampà, Picchi. All.: Mutarelli.

Napoli: Gionta; Palumbo, Granata, Schiavi, Piacente; Ferraro, Spavone (59′ De Simone), Acunzo (73′ Lombardi); Carcatella, Selva (50′ Negro), Liguori. A disp.: Ferrara, D’Ignazio, Donnarumma, Otranto, Luise, Procida. All.: Saurini.

Arbitro: Sig. Pagliardini di Arezzo.

Ammoniti: 42′ Borghini (E), 55′ Palumbo (N), 72′ Granata (N), 76′ Tchanturia (E), 79′ Meroni (E), 84′ Liguori (N)

Espulsi: 93′ Palumbo (N)

Leave a Comment

(required)

(required)