Primavera, 4^ giornata: l’analisi di Palermo-Empoli

Primavera, 4^ giornata: l’analisi di Palermo-Empoli

Il Campionato Primavera si prepara alla quarta giornata, per un programma iniziato già nel primo pomeriggio di oggi con il match tra Trapani e Fiorentina. Nel lungo weekend della categoria spiccano alcuni match, che mettono di fronte formazioni di alto rango a caccia di conferme nei primi scontri diretti stagionali. Tra le partite di cartello del 4° turno figura sicuramente Palermo-Empoli, una sfida che, calendario e dati alla mano, è il big match del Girone C: rosanero e azzurri tornano a sfidarsi dopo il duello vissuto nella passata stagione, che ha visto le due squadre arrivare a braccetto a pari punti al termine della stagione regolare. MondoPrimavera fa le carte alla grande sfida del weekend, con l’analisi tattica del match: tutto quello che c’è da sapere sulla gara del “Santa Flavia” nella preview di Palermo-Empoli.

COME ARRIVA IL PALERMO – È un Palermo ancora a caccia della sua prima vittoria in campionato, quello che ospiterà l’Empoli nel match in programma domani alle ore 12 al “Comunale” di Santa Flavia. Quella dei ragazzi di Bosi è la classica situazione del bicchiere mezzo vuoto o mezzo pieno: se è vero che i pessimisti sottolineano l’assenza di successi in campionato, il rovescio della medaglia recita che i rosanero sono ancora imbattuti dall’inizio della stagione, forti dei 3 pareggi in campionato e della roboante vittoria in Coppa Italia contro il Livorno. C’è da aggiungere però che quello che preoccupa un po’ è la scarsa vena realizzativa manifestata in campionato dai rosanero, che contano all’attivo solo un gol fatto contro i quattro dell’inizio della passata stagione. Quella con l’Empoli è la partita che vedrà il ritorno dei ragazzi di Bosi tra il proprio pubblico, dopo le due trasferte di Roma (sponda Lazio) e Pescara. Lo scorso anno contro i toscani terminò sull’1-1, con gol di Bentivegna (ora al Como), chissà invece quest’anno cosa reciterà il campo: sarà l’ennesimo pareggio, la prima vittoria o la prima sconfitta del Palermo?

COME ARRIVA L’EMPOLI – Gli azzurri arrivano a questa trasferta col morale a mille, dopo i due successi consecutivi (tre contando anche quello in Tim Cup) che hanno fatto dimenticare i cinque gol subiti nell’esordio stagionale contro la Roma. Mister Mutarelli ha potuto toccare con mano la crescita di un gruppo giovanissimo, che ha sfruttato al meglio i tre match consecutivi giocati tra le mura amiche del Centro Sportivo di Monteboro: bottino pieno e buone prestazioni, nonostante un’infermeria ancora piena. A Palermo mancheranno sicuramente Giacomel e Fantacci: il portiere è alle prese con una frattura alla caviglia sinistra, mentre il trequartista è impegnato in una terapia conservativa che dovrebbe scongiurare l’intervento alla spalla. Anche Falorni, reduce da un problema al ginocchio destro, non dovrebbe essere della partita, mentre rientrerà dalla squalifica Borghini e potrebbe rivedersi Tchanturia per rimpolpare un reparto avanzato un pò a corto di uomini. Quella di Palermo è una delle trasferte più lunghe per l’Empoli, una gara resa ancor più dura dal valore assoluto degli avversari: portare a casa punti dal “Santa Flavia” rappresenterebbe un ulteriore segnale di crescita per il gruppo azzurro, che in caso di risultato positivo si candiderebbe con maggiore decisione a un ruolo da protagonista nel Girone C del Campionato Primavera.

Leave a Comment

(required)

(required)