LIVE MP – Viareggio Cup, Roma-Inter 0-4: trionfo nerazzurro, è finalissima

Dopo una partita che è stata un’autentica battaglia, Roma-Inter si conclude col risultato di 0-4. Per i nerazzurri si spalancano le porte della finalissima del torneo di Viareggio, grazie a un successo legittimato nella ripresa: dopo il vantaggio siglato da Steffè nel primo tempo, l’Inter ha chiuso i giochi su un contestato calcio di rigore assegnato per un contatto di Marchizza (espulso nell’occasione) e Appiah. Bonazzoli non ha tremato dal dischetto, e pochi minuti dopo è stato proprio Appiah a chiudere definitivamente i giochi con la doppietta che regala ai suoi il pass per la finale della 67^ edizione della Viareggio Cup.

Appiah non trema, spiazzando il portiere improvvisato Calì e siglando la quarta rete nerazzurra.

GOOOOL DELL’INTER! 0-4, FINISCE COSI’!

90′: secondo calcio di rigore per il l’Inter! Appiah vola in campo aperto, semina i difensori e viene steso da Pop. Espulso il numero uno giallorosso, la Roma non ha più cambi: tra i pali andrà il numero 17 Calì.

Tre minuti di recupero.

87′: dopo essersela cercata in più di un’occasione, Soleri rimedia la seconda ammonizione per un duro colpo rifilato a Yao. Espulso il numero 16 della Roma, mentre si accende un parapiglia in campo che vede ammoniti i due capitani Palazzi e Ferri.

Quinto e ultimo cambio per l’Inter: esce Gyamfi, sostituito da Crosato.

81′: rischia grosso Soleri, già ammonito, che colpisce duro Gyamfi. L’arbitro non ravvisa il fallo e lascia proseguire.

76′: doppio giallo sventolato dal direttore di gara. Finiscono sul taccuino dei cattivi Calabresi e Rapaic, dopo uno scambio di cortesie all’altezza della trequarti difensiva della Roma.

74′: quarto cambio nell’Inter. Fuori capitan Sciacca, dentro Della Giovanna.

Alberto De Rossi si gioca l’ultimo cambio a sua disposizione: esce Machin, sostituito dal classe ’98 Ciavattini.

72′: terzo cambio nell’Inter. Esce tra gli applausi Bonazzoli, autore del quarto gol in tre gare disputate; al suo posto entra il numero 24 Rapaic.

Quarto cambio nella Roma: entra Calì ed esce Vestenicky

Trzo gol dell’Inter, che mette una seria ipoteca sull’accesso alla finalissima. Punizione battuta dalla sinistra, con Rocca che mette al centro un pallone insidioso. Dopo una serie di rimpalli, Appiah riesce a arpionare la sfera e, da pochi passi, a battere Pop per il gol che di fatto chiude il match

69′: GOOOOOOL DELL’INTER! 0-3, APPIAH CHIUDE VIRTUALMENTE I GIOCHI!

L’Inter mette in discesa il match, con Federico Bonazzoli che è glaciale dal dischetto e batte Pop con una potente conclusione mancina. 2-0 per i nerazzurri, Roma in dieci uomini: l’Inter vede la finale.

67′: GOOOOOL DELL’INTER! BONAZZOLI RADDOPPIA DAL DISCHETTO!

66′: calcio di rigore per l’Inter! L’arbitro assegna la massima punizione per un controverso contatto ai danni di Appiah, messo giù da Marchizza che viene espulso. Svolta clamorosa nel match.

Ci prova anche Rocca, con un sinistro da posizione impossibile che sibila di poco alto sopra la porta di Pop.

64′: ripartenza fulminante dell’Inter, con Yao che lancia Steffè partito in posizione regolare dall’interno della propria metà campo. La fuga del numero 4 nerazzurro viene fermata dalla chiusura prodigiosa di Marchizza, che lo rimonta e gli sporca il pallone.

Radu continua a spadroneggiare sui palloni alti nella propria area di rigore. Davvero ottima la prestazione del numero uno nerazzurro.

62′: occasionissima per la Roma, con Vestenicky lanciato a rete da una torre di Soleri. Radu è bravo a chiudere tutto in uscita bassa, ma il gioco era già fermo per una dubbia posizione di offside del numero 9 giallorosso.

59′: secondo cambio per l’Inter. Esce il numero 7 Camara, sostituito dal numero 22 Appiah. Non cambia l’assetto tattico dei nerazzurri.

58′: terzo cambio per la Roma. Entra il numero 11 Di Mariano, che prende il posto del numero 22 Tchoutou.

55′: mischia furibonda in area dell’Inter, con la Roma che non riesce a sfondare dopo una serie di batti e ribatti. L’ultimo tocco è di un difensore nerazzurro, che mette in angolo il tentativo di Pellegrini. Sul corner è ancora una volta bravo Radu, che esce con autorità in presa alta.

Sul corner successivo Radu sbaglia però il tempo dell’uscita, offrendo una buona chance alla Roma. Calabresi arriva tardi all’appuntamento col pallone, anticipato provvidenzialmente da un difensore nerazzurro.

51′: buona occasione della Roma, che trova davanti a sé un ottimo Radu a sbarrarle la strada del pareggio. Iniziativa di Anocic, che arma il destro di Ndoj: splendida conclusione, ma Radu è bravissimo a deviare in volo mettendo in corner un pallone destinato allincrocio.

49′: fallaccio di Tchoutou ai danni di Dimarco. Ammonito il numero 22 giallorosso.

46′: Roma in avanti, con Gyamfi che rinvia corto servendo di fatto capitan Ferri. Il cross del numero 7 è però fuori misura, e la palla finisce alta sopra la porta difesa da Radu.

Inizia la ripresa, nessun cambio nelle due squadre.

Finiscono qui i primi 45 minuti di Roma-Inter. Partita difficile da commentare, con il campo allagato dello Stadio dei Pini che ha reso pressoché impossibile lo svolgimento delle trame di gioco. Inter in vantaggio con un’invenzione di Steffè, che approfitta della complicità di Pop per portare avanti i nerazzurri. La ripresa si annuncia come una vera e propria battaglia: vedremo chi ne avrà di più per conquistare la finale.

48′: punizione molto pericolosa a favore della Roma. Tutto fermo, però, a causa di una spinta in area di Soleri.

Ancora impeccabile Calabresi, preciso e elegante nella chiusura su Rocca.

45′: primo ammonito del match. Sciocchezza di Soleri, che disturba Radu che aveva il pallone in mano e si accingeva al rinvio. Non una buona presentazione per il nuovo entrato.

Le sostituzioni hanno determinato dei cambi tattici per entrambe le squadre: solito 4-3-3 per la Roma, con Tchoutou che si abbassa a ricoprire il ruolo di terzino destro. Vecchi in vece ridisegna l’Inter, che si schiera adesso con il modulo 3-5-2.

Baldini non ce la fa, e deve lasciare il campo con l’aiuto dello staff medico nerazzurro. Al suo posto entra il numero 13 Popa.

41′: durissimo colpo subito da Baldini, che resta a terra dopo una botta alla caviglia destra. Pronto un cambio per l’Inter.

Doppio cambio per la Roma: entrano Pellegrini e Soleri, che prendono il posto di Paolelli e D’Urso

39′: buona iniziativa di Camara, che entra in area e guadagna un corner. Si incarica della battuta lo stesso esterno guineano, che però calcia malissimo, col pallone che varca la linea di fondo.

La Roma prova a reagire allo svantaggio, ma le iniziative dei giallorossi si spengono al limite dell’area di rigore nerazzurra. Con un campo in queste condizioni il compito di attaccare la difesa nerazzurra schierata non è affatto semplice.

Al primo tiro in porta l’Inter passa in vantaggio grazie al gol di Demetrio Steffè. La difesa della Roma libera il corner calciato da Rocca, la palla raggiunge Steffè che non ci pensa due volte e calcia al volo col destro. La traiettoria è potente e beffarda, con la sfera che rimbalza proprio davanti a Pop che combina un pasticcio e manca la presa, permettendo all’Inter di portarsi in vantaggio.

28′: GOOOOOOOL DELL’INTER! STEFFE’ PORTA IN VANTAGGIO I NERAZZURRI.

Primo angolo del match, conquistato da Bonazzoli.

26′: strappa applausi una giocata difensiva di Calabresi, che resiste alle cariche di Baldini e, nonostante il campo in condizioni disastrose, riesce a uscire da una situazione complicata con un pregevole gioco di gambe.

24′: prima vera occasione del match, a beneficio della Roma. Ci prova Ndoj direttamente da calcio di punizione, con un destro potente che trova Radu pronto alla non facile deviazione in corner.

Al 20′ il match resta bloccato e senza emozioni. Da segnalare la presenza di due coraggiosi spettatori, unici occupanti della gradinata scoperta dello Stadio dei Pini.

16′: si fa vedere la Roma, con un lancio in avanti a cercare D’Urso. Si alza la bandierina del primo assistente, tutto fermo per fuorigioco.

Pochissimo da segnalare nel primo quarto d’ora di gioco. La pioggia continua a battere con insistenza sul terreno di gioco dello Stadio dei Pini, rendendolo probabilmente oltre i limiti della praticabilità.

9′: si fa vedere Bonazzoli, che fa valere il fisico e vince un duello con Anocic. Il numero 9 dell’Inter prova ad accentrarsi per liberare il sinistro, ma viene chiuso dalla difesa giallorossa.

7′: Roma ancora in avanti, con Ndoj che prova a innescare Tchoutou. Provvidenziale Dimarco, che chiude bene e libera in angolo.

5′: primo squillo del match, con una fuga caparbia di Anocic sull’out di sinistra. Il numero 13 giallorosso vince due rimpalli, entra in area e mette al centro un pallone insidioso che crea più di un brivido alla difesa dell’Inter.

Partita che si annuncia più rugbistica che calcistica: il terreno di gioco è un vero e proprio acquitrinio, impossibile pensare di poter giocare palla a terra.

Partiti! Inizia Roma-Inter, prima semifinale della Viareggio Cup 2015.

Roma-Inter è la prima semifinale della 67^ edizione della Viareggio Cup. Quella tra giallorossi e nerazzurri è una sfida nobile, che vede affrontarsi due delle squadre che alla vigilia delle competizione erano accreditate tra le favorite del torneo. Tutto è pronto per un match di altissimo livello, coi due organici al completo al netto dei due grandi assenti Verde e Puscas, entrambi impegnati con le rispettive prime squadre.Ed è davvero un peccato che una sfia come questa si debba giocare su un terreno infame, col fondo dello Stadio “T.Bresciani” di Viareggio allagato dalla forte pioggia caduta incessantemente dalla serata di ieri.
Di seguito, ecco la foto con le formazioni ufficiali di Roma-Inter:
P_20150214_143810-1

Leave a Comment

(required)

(required)