LIVE MP.IT – Portogallo-Germania 0-1: fischio finale, Germania campione!

Hanno vinto i più forti. La sintesi della finalissima dell’Europeo Under 19 è proprio questa: la Germania è la regina di questa manifestazione, una squadra che ha dimostrato valori tecnici, tattici e fisici di assoluto valore. Dopo il successo Mondiale della squadra di Low è arrivata la doppietta per i tedeschi: i ragazzi di Sorg si impongono grazie al gol di Mukhtar, una rete che legittima quanto espresso in campo da un collettivo solido e talentuoso. Applausi anche al Portogallo, che però ha confermato i suoi limiti storici sotto porta, non riuscendo a concretizzare le occasioni create. Una finale comunque da applausi, che chiude nel migliore dei modi un Europeo che, c’è da starne certi, lancerà tanti talenti verso il calcio che conta.

E’ FINITA! LA GERMANIA E’ CAMPIONE D’EUROPA UNDER 19!

93′- Lokhemper fallisce un’altra occasione incredibile, lanciato in contropiede col portiere avversario fuori dai pali.

Ultima chance per il Portogallo: calcio di punizione dalla trequarti, sale in area avversaria anche il portiere Moreira per tentare il tutto per tutto.

92′: Altro cambio per la Germania: esce l’autore del gol Mukhtar, entra il numero 16 Syhre

Saranno due i minuti di recupero

89′- Altra occasionissima per la Germania! Brandt con un’altra magia si libera dalla marcatura di un difensore e scavalca Moreira con un perfetto pallonetto. Ci vuole un intervento strepitoso di Nunes per salvare sulla linea un gol praticamente già fatto.

Germania ad un passo dal gol decisivo! Un lancio lungo senza pretese viene trasformato in uno zuccherino da un colpo di tacco misterioso di Brandt, che recapita il pallone a Selke il quale a sua volta mette Lokhemper a tu per tu col portiere. Il tiro a colpo sicuro del nuovo entrato viene però parato miracolosamente da Moreira, che con un intervento eccezionale tiene in vita i suoi.

88′- LA GERMANIA GETTA AL VENTO IL MATCH POINT! PARATISSIMA DI MOREIRA!

87′- Il Portogallo ci prova con la forza della disperazione,  ma il tocco di Riquicho è troppo lungo per poter essere raggiunto da Jorginho.

83′: Arriva solo adesso il primo cambio per la Germania: esce Stendera, autore dell’assist per il gol di Mukhtar, ed entra Lokhemper. Cambio anche tra le fila del Portogallo: fuori Martins, dentro Intima.

La Germania sembra adesso accusare un calo fisico, situazione non agevolata dalla scelta del ct Sorg di non effettuare alcun cambio.

79′- Stark, già ammonito, mette giù Marcos Lopes. Non ci sono gli estremi per il giallo secondo il direttore di gara, viene invece ammonito Holthaus per proteste.

78′- Pasticcio di Rafa, che con un appoggio indietro scellerato lancia il contropiede di Brandt. Il tedesco viene chiuso da Podstawski, che spezza la ripartenza.

La Germania sembra averne di più dal punto di vista fisico: i giovani tedeschi appaiono più reattivi nei contrasti e nelle rincorsa ai palloni vaganti.

73′- Primo ammonito del match: a finire sul taccuino dell’arbitro è Kempf, intervenuto a gamba tesa su un avversario.

70′- Ancora Germania, che va in contropiede con Stelke. L’attaccante tedesco ignora l’inserimento di Brandt e calcia in porta, la deviazione di Nunes inganna Moreira ma il pallone finisce di un soffio sopra la traversa. E’ un match davvero emozionante, uno spettacolo degno di una finale.

Partita splendida, con le due squadre che giocano a viso aperto e senza tatticismo. La Germania risponde subito alla clamorosa chance portoghese, con un bolide di Oztunali che dà l’illusione del gol ma che invece fa la barba al palo alla destra di Moreira.

69′- CHE PARTITA! PALLA GOL ANCHE PER LA GERMANIA!

Il Portogallo si mangia le mani per aver fallito non una, non due ma ben tre palle gol nella stessa azione. L’azione di Gelson Martins libera al tiro Marcos Lopes: la conclusione a colpo sicuro viene murata in maniera miracolosa da Kimmik, che poi con grande reattività si rialza e respinge il secondo tentativo del 10 portoghese. La palla torna ancora sui piedi di Lopes, che stavolta vede il tiro respinto da un vero e proprio miracolo del portiere Schnitzler.

68′- PALLA GOL CLAMOROSA PER IL PORTOGALLO!

67′- Grande occasione della Germania, con Mukhtar che conclude col destro una splendida azione della squadra di Sorg. La conclusione però è troppo debole, e Moreira può bloccare a terra.

65′- Secondo cambio per il Portogallo: esce Ivo Rodrigues, il migliore dei suoi, ed entra Romario Baldé. Non convince più di tanto la decisione del ct Hélio Souza.

Sugli sviluppi del calcio di punizione calciato da Stendera è Nunes a liberare, sfiorando il pallone quel tanto che basta per metterlo in fallo laterale.

62′- Il pressing alto della Germania dà i suoi frutti: Kimmik ruba palla in zona d’attacco e guadagna un calcio di punizione da una zona molto interessante.

61′- Grande intervento di Kempf, che interviene perfettamente su Marcos Lopes che si accingeva a entrare in area di rigore.

59′- Primo cambio del match, effettuato dal Portogallo: il ct Hélio Sousa sostituisce Guzzo con Ramos.

58′: Brividi per il Portogallo: il calcio d’angolo calciato da Stendera attraversa tutta l’area piccola senza che nessuno riesca a deviare il pallone verso la porta di Moreira.

57′- La Germania si riporta in avanti dopo qualche minuto di calma apparente: il gran tiro di Kimmik viene deviato in angolo da un difensore.

56′- Ci prova ancora Ivo Rodrigues, probabilmente il migliore del Portogallo, ma la sua iniziativa viene fermata al momento di entrare in area di rigore.

53′- Il Portogallo resta in zona d’attacco con due corner consecutivi. Marcos Lopes ci prova col mancino, il tiro viene respinto dal muro difensivo teutonico.

52′- Si rivede il Portogallo, con uno dei primi squilli di un André Silva fin qui in ombra. Stark però è puntuale nella chiusura e devia in angolo.

51′- Grande giocata di Selke, centravanti dal gran fisico ma dotato comunque di ottima tecnica. Il suo destro sul primo palo chiama Moreira ad un intervento in tuffo sulla sua destra.

49′- Germania ancora pericolosa: i ragazzi tedeschi recuperano palla nella trequarti avversaria e liberano al tiro Brandt, che conclude alto. I ragazzi di Sorg sono partiti nel migliore dei modi anche nella ripresa.

48′- Grande azione di Mukhtar, che con un doppio passo si incunea in area di rigore e mette il pallone al centro. Moreira interviene e blocca con sicurezza.

46′- Si ricomincia, parte il secondo tempo della finale dell’Europeo Under 19.

Primo tempo spettacolare al Ferenc Szusa di Budapest, giocato dalle due squadre indiscutibilmente più forti di questo Europeo Under 19. La Germania ha legittimato la superiorità messa in mostra nei primi 45 minuti portandosi meritatamente in vantaggio con Mukhtar, ma il Portogallo è ancora in partita e può ancora dire la sua. Ci aspetta una ripresa tutta da vivere, state con noi!

46′- Termina qui il primo tempo, col duplice fischio del signor Estrada Fernandez.

La punizione viene sprecata dai lusitani, che provano uno schema che non si concretizza.

44′- Ivo Rodrigues nasconde la palla a Stark che lo mette giuù: punizione interessante per il Portogallo.

Ci sarà un minuto di recupero.

42′- Il Portogallo ci prova con orgoglio, ma si espone al contropiede della Germania. La ripartenza dei tedeschi viene fermata dall’intervento di Duarte, timide proteste dei ragazzi in maglia bianca ma contrasto che è parso regolare.

E a pochi minuti dal termine del primo tempo la Germania trova un vantaggio sicuramente meritato: Stendera scappa sulla fascia destra e mette al centro un cross rasoterra. Mukhtar sfugge alla marcatura di Podstawski e si avventa sul primo palo, bruciando la difesa e non lasciando scampo a Moreira. Germania in vantaggio in un momento molto importante del match.

39′- GERMANIA IN VANTAGGIO! GOLDI MUKHTAR!

Le due squadre adesso abbassano i ritmi e prendono fiato: la prima mezz’ora abbondante di gara è stata giocata con grande intensità, per una partita davvero godibile.

34′- Partita che vive di fiammate, col Portogallo che adesso si rende più pericoloso. C’è bisogno di una grande chiusura di Stark per anticipare la conclusione di Lopes.

33′- Azione prolungata del Portogallo, che costringe la Germania a ripiegare negli ultimi 20 metri di campo. I cross di Gelson Martins sono però imprecisi, e l’azione si perde in un nulla di fatto.

30′- Altra occasionissima per la Germania: Stendera batte il calcio d’angolo, Stark svetta a centro area sfiorando il palo con una splendida torsione di testa. Il Portogallo tira l’ennesimo sospiro di sollievo, i tedeschi meriterebbero il vantaggio.

Germania ancora vicina al gol: Brandt viene lasciato libero di calciare, e la sua conclusione di destro viene deviata da un difensore. Moreira, inizialmente spiazzato dal tocco, trova il colpo di reni che gli permette di arrivare sul pallone e di metterlo in corner. Grande intervento del numero 12 portoghese.

29′- GRANDE PARATA DI MOREIRA!

28′- Buona iniziativa di Riquicho, che prova a liberarsi con una bella serpentina lungo il lato corto dell’area di rigore. La difesa tedesca però fa buona guardia e il pallone si perde in rimessa dal fondo.

27′- Silva e Kimmik si allacciano all’altezza dela trequarti: i due si scambiano un’occhiataccia e deve intervenire l’arbitro per riportare ordine.

26′- Cross al centro di Oztunali, Nunes fa buona guardia e libera di testa.

23′- Buona chance in contropiede per il Portogallo: Guzzo esce benissimo palla al piede dal limite della propria area di rigore, servendo Marcos Lopes. Il numero 11 cerca Martins in profondità, ma il passaggio è troppo lungo e diventa facile preda di Schnitzler.

Adesso si assiste ad un match molto equilibrato: il Portogallo è riuscito a contenere la sfuriata iniziale della Germania, e le due squadre adesso si affrontano alla pari.

20′- Grande occasione per il Portogallo, che per la prima volta tira verso lo specchio avversario. Un cross dalla destra viene liberato di testa da Stark, la palla viene raccolta da Rafa che calcia verso la porta di Schnitzler. Il portiere tedesco respinge coi pugni.

18′: Grande apertura di Kempf, il “piccolo Pirlo” di questa Germania. La palla, destinata sui piedi di Mukhtar, finisce però leggermente lunga.

Sugli sviluppi del corner la Germania esegue uno schema provato in allenamento: Selke si libera sui blocchi ma manca di un soffio l’impatto col pallone. Altro brivido per il Portogallo.

15′- Cross di Holthaus dalla fascia sinistra, i difensori portoghesi non rischiano e concedono il corner agli avversari.

14′- Torna in avanti la Germania, con un’iniziativa personale di Mukhtar il cui tiro però è debole e termina parecchio a lato della porta di Moreira.

12′- Uscita “alla Neuer” per il portiere tedesco: la difesa della Germania si fa trovare scoperta, ma Schnitzler è attento ed esce con i piedi molto al di fuori della propria area di rigore, sventando la minaccia.

Germania ad un passo dal gol con Selke: discesa strepitosa di Akpoguma sull’out di destra, pallone messa verso il centro sul quale si avventa Selke. La girata dell’attaccante tedesco è sporca, e il pallone sfila a pochi centimetri dal palo di destra della porta di Moreira.

10′: CLAMOROSA OCCASIONE PER LA GERMANIA

8′- Germania che si fa preferire in queste prime fasi del match. E’ ancora Stendera a rendersi pericoloso: il giocatore dell’Eintracht calcia forte dal limite dell’area, la conclusione è però centrale e viene bloccata da Moreira

6′- Germania in avanti con Stendera, azione convulsa in area di rigore che viene interrotta dall’intervento di Podstawski che libera e allontana il pericolo

4′- Resta a terra Stendera, il Portogallo mette il pallone in fallo laterale ma l’attaccante tedesco si rialza senza conseguenze

Suonano gli inni nazionali allo stadio Ferenc Szusza di Budapest: Portogallo e Germania sono pronte a dare inizio alla finale dell’Europeo Under 19. Mondoprimavera.it seguirà LIVE la finalissima del torneo continentale, con la diretta scritta del match. Queste le formazioni ufficiali delle due squadre:

PORTOGALLO: Moreira; Nunes, Rafa, Riquicho, Duarte; Podstawski (C), Guzzo, Lopes, Silva, Rodrigues, Martins.

GERMANIA: Shnitzler; Akpoguma, Holthaus, Kempf, Stark (C), Kimmik, Mukhtar, Oztunali, Stendera, Selke, Brandt.

Leave a Comment

(required)

(required)