Lazio, malcontento Keita: l’ennesima panchina il preludio alla cessione?

Lazio, malcontento Keita: l’ennesima panchina il preludio alla cessione?

La Lazio torna dalla Cina con una Supercoppa persa e la grana Keita Balde Diao da risolvere. L’attaccante classe ’95, poco impiegato da mister Pioli la scorsa stagione, non è stato mandato in campo neanche sabato contro la Juventus. Il tecnico laziale gli ha preferito Morrison e Kishna, neo acquisti e quindi non ancora pienamente integrati nei meccanismi di squadra. Quanto basta per scatenare l’ira dello spagnolo, già durante la cerimonia di premiazione post gara. Qualche minuto di colloquio con il presidente Lotito che provava – inutilmente – a calmarlo: Keita ha spiegato come il rapporto con Pioli stia diventando sempre più complicato, con il tecnico che sembra non vederlo nonostante l’ottimo ritiro disputato. Musi lunghi e mugugni, il futuro di Keita sembra sempre più lontano da Roma e dalla Lazio, per volontà dello stesso calciatore. In questo senso, iniziano già a circolare i nomi delle squadre interessate al giovane talento spagnolo: Torino e Inter in Italia, ma ci sono anche offerte dalla Premier League e dalla Bundesliga. Il presidente Lotito, dal canto suo, avrebbe già fissato il prezzo, piuttosto proibitivo: 18 milioni di euro.

Leave a Comment

(required)

(required)