Lazio, Guerrieri: ”Contro il Catania tre punti d’oro. Le prossime saranno tutte partite difficili”

  • Andrea Patti
  • in ,

Al termine dell’ottava giornata del Campionato Primavera, la Lazio può sorridere dopo aver sconfitto per 3-0 un avversario arduo come il Catania. I ragazzi di mister Inzaghi hanno dimostrato grande maturità e forza di gruppo, riuscendo a battere con facilità una squadra molto preparata e sicuramente tra le migliori del girone C. In grande rispolvero in quest’ultimo match disputato il portiere biancoceleste Guido Guerrieri, che in più di un’occasione ha messo una pezza su qualche errore di troppo della retroguardia laziale. Intervistato ai microfoni di Lazio Style Radio, il promettente portiere classe ’96 ha parlato della partita contro i siciliani:”Eravamo consapevoli che il Catania non era una squadra semplice, è terza e non per caso. Noi abbiamo lavorato di gruppo e abbiamo preso tre punti importanti. Come vivo le gare? Con tranquillità come giusto che sia, sono consapevole di avere davanti una buona squadra. Sono sempre tranquillo comunque vada. Può capitare che il portiere non è impegnato per tutta la partita, poi magari capita l’occasione e ti devi fare trovare pronto. Devi pensare al pallone e mantenere alta la concentrazione.” Un occhio ai prossimi impegni di campionato, nel girone C infatti non mancano le avversità che possono rallentare il passo dei biancocelesti:”Ormai sono tutte partite difficili. Roma e Catania lotteranno fino alla fine, noi ci faremo trovare pronti. Il nostro obiettivo è arrivare primi o secondi. Anche il Napoli sono convinto che se la giocherà. Noi abbiamo dimostrato di essere una squadra, penso che giocando così ci toglieremo delle belle soddisfazioni.” Infine, qualche parola anche sul trofeo vinto al Bentegodi contro il Chievo Verona:”La Supercoppa? Una bella soddisfazione, anche perché la Lazio Primavera non l’aveva mai vinta. E’ indescrivibile la gioia che abbiamo provato. Andare sotto la Nord con la coppa e vedere che i tifosi di incitavamo come fossimo la prima squadra è stata un’emozione fortissima.”

Leave a Comment

(required)

(required)