Inter, Bonazzoli: ”Io contro Bale, un sogno. Ringrazio Mazzarri e Icardi”

  • Filippo Ferraioli
  • in

Federico Bonazzoli, il nuovo che avanza ha i colori nerazzurri tatuati sulla pelle. Il giovanissimo attaccante, classe 1997, sta vivendo un’estate che conferma la sua spiccata capacità di bruciare le tappe: bomber della Primavera lo scorso anno, quando per la sua età avrebbe dovuto essere in campo con gli Allievi, in questo luglio interista Bonazzoli si sta mettendo in mostra nella rosa della prima squadra. Il talentuoso attaccante nerazzurro si è raccontato ai microfoni di Inter Channel, parlando delle sue sensazioni e dei suoi obiettivi stagionali: “Sto vivendo un sogno, e me lo sto godendo attimo dopo attimo. Allenarsi con i campioni della prima squadra, indossare la maglia dell’Inter, da tifoso nerazzurro, contro il Real Madrid anche solo per pochi minuti è un’esperienza che non dimenticherò mai.Non mi sembrava vero di essere in campo contro Bale, un giocatore che fino a poco tempo fa ero abituato a comandare con il joystick della playstation. Devo ringraziare mister Mazzarri, che mi sta dando una grande opportunità: è molto attento a noi giovani, insegnandoci soprattutto cosa significa vestire la maglia dell’Inter. Allenarsi con i campioni nerazzurri è motivo di grande orgoglio: Vidic ha grande carisma, Kovacic è un fenomeno e Icardi è un bravissimo ragazzo, oltre ad essere un giocatore fantastico. Mauro è stato uno dei compagni che mi hanno aiutato di più, io ho cercato di prendere esempio dal suo insegnamento”.

A fine estate, però, potrebbe arrivare il momento di tornare a giocare nella Primavera. Bonazzoli commenta con maturità le prospettive per la sua stagione: “Adesso mi godo il momento, ma non avrò alcun problema a mettermi a disposizione della Primavera. La scorsa stagione è stata avara di soddisfazione, ma la maggiore esperienza ci permetterà di sfruttare al meglio le occasioni che ci troveremo davanti. Mister Vecchi mi sembra molto esperto, il fatto che abbia già allenato ad alti livelli sarà molto importante per me e per i miei compagni. Su cosa dovrò lavorare? L’aspetto fisico conta tantissimo, soprattutto in un periodo come questo. Ma, ancora più importante, è il fattore mentale: servono umiltà e voglia di migliorarsi per arrivare in alto”.

La chiusura è una carezza dedicata alla famiglia: “Posso ritenermi molto fortunato di avere una famiglia che ha creduto sempre in me e mi ha sempre sostenuto, insegnandomi l’importanza degli impegni scolastici, oltre a quelli sportivi. Non è facile vivere fuori da casa (Bonazzoli è originario di Manerbio, in provincia di Brescia, ndr.) ma ci sto facendo l’abitudine; adesso la lontananza pesa sempre meno”.

Leave a Comment

(required)

(required)