Il momento delle nazionali giovanili italiane e l’Europeo della banda Di Biagio. Tutto può accadere…

In questi giorni sono andate in scena due belle partite delle nazionali italiane Under 19 e 17.  L’Under 17 di mister Tedino ha battuto la Spagna per 1-0, mentre l’Under 19 di mister Pane ha battuto il Belgio per 2-0. Due risultati di prestigio, contro due squadre che stanno vivendo ormai da diversi anni un ottimo momento dal punto di vista della produzione di campioncini. Due vittorie che devono farci ben sperare ma non rilassare perchè c’è ancora molto da fare per far ritornare il nostro calcio competitivo.

L’Under 17, questa estate sarà impegnata nella fase Elite dell’Europeo che si giocherà in Bulgaria. Il girone degli azzurrini è molto interessante per via della presenza di squadre come: Germania, Slovacchia e Ucraina. Al momento tra i giovani più interessanti di questa nazionale azzurra Under 17 vi sono nomi importanti come il portiere Donnaruma, il difensore Scalera e gli attaccanti Cutrone e Scamacca. Tanti elementi interessanti che questa estate faranno parlare di sé in positivo. Attenzione a Scamacca, un giocatore che ha destato molto interesse all’estero e potrebbe sfruttare questo europeo per mettersi maggiormente in evidenza.

Per l’Under 18 di mister Vanoli non ci sono in programma impegni ufficiali al momento, le amichevoli devono essere ancora decise e l’unico appuntamento tra allenatore e squadra sarà ad aprile per un raduno. Anche l’Under 18  ha al suo interno ragazzi molto interessanti e alcuni di loro già giocano in Serie A. Prendiamo ad esempio il giovane Barella del Cagliari: un giovane che sta bruciando le tappe e con umiltà si sta facendo spazio nel calcio dei “grandi”. L’attaccante Vassallo del Milan insieme a Dalmonte del Cesena e Favilli del Livorno sono altri giovani di qualità. Proprio il reparto offensivo risulta essere il punto di forza della squadra di Vanoli.

L’Under 19 di mister Pane, dal 26 marzo sarà impegnata nella fase Elite del Campionato Europeo che si concluderà con la fase finale in Grecia questa estate. Il girone dell’Italia in primavera sarà composto da Austria, Croazia e Scozia. Per gli azzurrini l’ostacolo maggiore sarà la Croazia che in questi anni sta avendo un ottimo settore giovanile con giovani campioni che si sono subito imposti anche in campionati di livello. Di questa avventura faranno sicuramente parte elementi di assoluto valore come il portiere Scuffet, l’attaccante dell’Inter Bonazzoli e tanti altri in una squadra il cui punto di forza è l’equlibrio tra i reparti.

Il calcio italiano e i suoi problemi, si ripercuotono profondamente su queste giovani nazionali azzurre ma nonostante ciò i nostri ragazzi riescono ancora a giocarsela con chiunque o quasi. Sì, il quasi è d’obbligo perché se saliamo un po’ con l’età già per l’Under 20 e 21 le cose si fanno più complicate. Infatti, a quei livelli ci sono concorrenti europee come la  Spagna o il Belgio e anche la Germania, che rappresentano ostacoli di un certo spessore. Tuttavia, se analizziamo la rosa dell’Under 20 possiamo scorgere nomi molto interessanti che ultimamente hanno pure infiammato alcune trattative di mercato. Ci sono tanti possibili giovani talenti che con dedizione un giorno potrebbero diventare i calciatori della Nazionale maggiore. Stiamo parlando di Gollini, Caldara, Verre, Garritano e Gatto.  Ne cito solo alcuni ma nella rosa di questa nazionale ci sono tanti giovani di valore e molti hanno già diverse presenze in Serie A.  Mister Evani questa Under 20 la sta plasmando molto bene, e, anche se al Torneo Quattro Nazioni nel 2014 i risultati sono stati altalenanti, ciò non toglie che nel 2015 le cose potrebbero migliorare sensibilmente grazie ad una migliore condizione atletica generale. Per l’Under 20 il prossimo impegno sarà contro la Svizzera il 26 marzo. Questa gara riprenderà la serie di partite per il Torneo Quattro Nazioni e successivamente dovrà scontrarsi con la Germania.

Invece, l’Under 21 di Gigi Di Biagio, sembra essere ormai pronta per affrontare l’Europeo in Repubblica Ceca questa estate. I giovani della banda Di Biagio potrebbero rappresentare una vera spina nel fianco in questa rappresentazione. Nel girone B gli azzurrini troveranno Inghilterra, Portogallo e Svezia. Tre squadre che hanno indiscussi elementi di qualità al proprio interno ma non insuperabili per i vari Belotti, Sturaro, Longo e Murru. Questa estate, vedremo se questa giovane Italia riuscirà nell’impresa di vincere la competizione. Certamente, i presupposti per fare bene ci sono tutti. Di Biagio ha dato a questo gruppo unità e carattere. Elementi che si sono già visti nella fase di qualificazione europea. Questa nazionale può stupire e dobbiamo credere in questi giovani perchè un giorno potrebbero essere in nuovi Pirlo, Buffon, De Rossi e Immobile.

In sostanza, nonostante le difficoltà del nostro calcio, in questo momento abbiamo delle nazionali giovanili a mio parere molto interessanti. Queste squadre azzurre potrebbero rivelarsi un buon bacino da dove attingere in futuro nuovi campioni. Forse non avremo i fenomeni che hanno avuto recentemente  Spagna e Francia, o gli attuali di Belgio e Germania. Tuttavia, ritengo che abbiamo tutte le carte per poter dire la nostra su ogni campo e questo considerata la situazione è tantissimo. Molta di questa positività che aleggia su queste Nazionali lo si deve ai loro allenatori che, nonostante il poco tempo a disposizione, stanno riuscendo a costruire uomini e calciatori. Il lavoro di Tedino, Vanoli, Pane, Evani e Di Biagio pian piano darà i suoi frutti. La loro esperienza calcistica a disposizione di questi diamanti grezzi sarà fondamentale per aiutarli a risplendere nel nostro calcio.

Leave a Comment

(required)

(required)