Hellas Verona, Pavanel: ”Poco fair play da parte del Sassuolo. Oggi prestazione eroica”

L’allenatore della Primavera dell’Hellas Verona Pavanel, intervistato dal sito ufficiale hellasverona.it, ha commentato il pareggio contro il Sassuolo per 2-2. Eccole parole di Pavanel dopo una partita di grande sofferenza e generosità da parte dei suoi ragazzi: “Il Sassuolo sa che non si è comportato bene a livello di fair play sportivo. Cosa intendo con questo? Esiste una legge non scritta, secondo cui una finalista alla Viareggio Cup ha la facoltà di spostare l’impegno di campionato, per poter recuperare le forze. Il Perugia e l’Inter hanno rimandato il loro incontro, noi l’anno scorso abbiamo accettato di spostarla con il Milan (vincitore della Viareggio Cup 2013-14, ndr), che dopo due mesi si è presentato con El Sharaawy e Petagna. Il Sassuolo invece non ci ha riservato questo trattamento. Quello sarebbe stato fair play? Sciacquiamoci la bocca quando parliamo di far crescere i giovani e di dare il buon esempio. Riguardo alla partita siamo stati grandissimi, perché con quello che avevamo sulle gambe, fare una prestazione del genere è stato oltremodo eroico. Dispiace per l’espulsione di Fares, se la evitavamo potevamo portare a casa i 3 punti. Non rimprovero assolutamente nulla ai ragazzi. Mi è dispiaciuto soltanto non fare risultato pieno, altrimenti mi vedevate fare le capriole in mezzo al campo, perché abbiamo giocato contro una squadra che ha fatto di tutto per trovarci stanchi. Noi invece eravamo presenti, abbiamo fatto una grandissima gara”.

Pavanel ha concluso parlando di come i suoi ragazzi hanno affrontato la partita nonostante le difficoltà: “E’ andata come è andata, ma noi siamo stati grandi, loro no. Siamo a pari punti, il Sassuolo voleva rullarci ma non c’è riuscito, perché noi siamo stati più bravi di loro, questa è la verità. Che problema avevano a farci giocare più avanti? Se erano più forti adesso, lo sarebbero stati anche dopo. Sarebbe stato bello giocarsela alla pari. Per questo dico che il Verona è una grande società, noi abbiamo una grande squadra e sono orgoglioso dei miei ragazzi. Avrei accolto bene qualsiasi risultato. Da dove avremmo potuto tirare fuori le energie? Tra Torneo di Viareggio e impegni di campionato abbiamo fatto 9 partite in 15 giorni, abbiamo accumulato molta stanchezza. Parliamo di principi? Allora professiamo i principi dello sport a questi ragazzi, ma sembra che invece sia più importante il risultato”. 

Leave a Comment

(required)

(required)