Giovani Professionisti: gli Under ’95 della Lega Pro girone B

Eccoci tornati con la rubrica dei Giovani Professionisti dopo queste due settimane di stop di campionato, ieri si è ripreso a giocare anche in Lega Pro, in questo articolo parliamo degli Under ’95 scesi in campo nel girone B. I numeri sono stabili come nelle ultime settimane prima della sosta, vediamo insieme quali sono: i Giovani Professionisti scesi in campo sono ben 24 tra titolari e subentrati, buon numero, anche se ancora qualche squadra fatica a far scendere in campo i propri giovani. I titolari che hanno calcato il terreno di gioco sono stati ben 16 e quelli subentrati sono 8, numeri stabili, ma leggermente in salita, speriamo nei prossimi articoli di aggiungere qualche numero ancor più positivo.

Ecco di seguito le analisi partita per partita di MondoPrimavera con i Giovani Professionisti scesi in campo nel girone B di Lega Pro:

PRATO-CARRARESE 1-1

Netta superiorità del Prato, che come sempre fa scendere in campo molti giovani under ’95, nella partita di ieri mister Esposito a puntato sul terzino della Berretti Matteo classe ’97 e non ha sfigurato davanti a gente ben più esperta di lui, altro giovanissimo sceso in campo è Bengala centrocampista classe ’98 entrato a partita in corso, gli altri due titolari sono stati il portiere Ivusic e Tassi, quest’ultimo non ha disputato una buona gara. Sul fronte opposto nella Carrarese vi era solo il solito Berra, uno dei migliori difensori under ’95 del campionato che molto bene sta facendo in questa prima parte di stagione.

ASCOLI-TERAMO 0-0

Questa partita è stato povera di emozioni e anche di giovani scesi in campo, dove era presente il solo Giovannini dell’Ascoli, che è subentrato al 35′ del primo tempo e al 70′ della ripresa è uscito dal campo sostituito.

GUBBIO-GROSSETO 1-1

Pareggio come risultato e pareggio come giovani in campo, sono bene due scesi in campo e uno per parte. Nel Gubbio vi era il difensore Castelletto, uscito a fine primo tempo, autore di una brutta prova che gli è valso il premio di peggiore in campo, capita a volte l’importante è saper reagire e dimostrare tutto nella partita successiva. Nel Grosseto è subentrato al 87′ il giovane Boccardi, pochi minuti in campo per lui per poter essere determinante.

SAN MARINO-TUTTOCUOIO 1-1

Buona presenza di giovani in questa partita ben due per parte sono gli Under ’95 scesi in campo. Nel San Marino hanno giocato il giovane Sensi, uno dei migliori centrocampisti della squadra e il neo acquisto Bangal subentrato ad inizio ripresa. Nel Tuttocuoio a sorpresa panchina per Bacci, ma in campo vi erano Deiola e Gargiulo entrambi titolari e amoniti nel corso della partita.

L’AQUILA-ANCONA 1-1

Sono ben tre i giovani scesi in campo, nell’Aquila è partito titolare il difensore Karkalis, mentre nell’Ancona hanno giocato Parodi, nell’inedito ruolo di terzino destro lui che è un centrocampista ed è subentrato al 63′ Gelonese.

PISA-FORLI’ 0-1 e SAVONA-PISTOIESE 2-0

Pochi giovani in campo in queste due partite solo uno nel Pisa e uno nella Pistoiese, quindi uno per partita di Under ’95, molto pochi. Nel Pisa ha giocato il difensore Costa, non una gran partita la sua, ma come quella di tutta la squadra, mentre nella Pistoiese è subentrato il giovane attaccante Frugoli al 57′, per cercare di dare maggiore peso all’attacco per trovare il pareggio, ma non ha dato i suoi frutti l cambio di mister Lucarelli.

PONTEDERA-SANTARCANGELO 0-1

Molti giovani scesi in campo in questa partita ben due per parte, nel Pontedera troviamo a sorpresa in porta il giovane Cardelli e in difesa il solito Gasbarro entrambi titolari e il secondo ammonito nel corso della partita. Nel Santarcangelo hanno giocato titolari Torelli e Piedrabissi entrambi usciti al 70′ e il secondo ammonito.

LUCCHESE-PRO PIACENZA 3-2

La partita con più gol di questo girone e con un buon numero di giovani in campo. Nella Lucchese è entrato al 72′ l’attaccante Ferrante per dare peso all’attacco, mentre nel Pro Piacenza non positive le prove di Sanè e Castellana, purtroppo la difesa piacentina balla ancora troppo e i risultati  lo dimostrano.

Leave a Comment

(required)

(required)