Final Four Berretti, Lucchese-Aversa Normanna 1-2: la doppietta di Martiniello abbatte una Pantera mai doma

Final Four Berretti, Lucchese-Aversa Normanna 1-2: la doppietta di Martiniello abbatte una Pantera mai doma

LA PARTITA

Un appuntamento con il destino. Lucchese e Aversa Normanna si fronteggiano ancora una volta: stavolta il palcoscenico è quello ben più prestigioso della Final Four del Campionato Berretti. Mister Niccolai schiera la stessa formazione che ha battuta con un netto 5-0 la Juve Stabia la scorsa settimana. Chianese si affida all’inventiva di Martiniello per la giocata che potrebbe sbloccare il match e lascia Petricciuolo in panchina.

Al fischio d’inizio la Lucchese si butta a testa bassa in avanti, a cercare subito la conferma delle precedenti ottime prestazioni: la Pantera si presenta a Salò con zero goal subiti e dieci fatti nelle quattro gare delle Finali. Russo calcia da fuori dopo appena un minuto, ma il pallone sbatte su Centi, suo compagno di squadra, ad un metro dalla porta difesa da Salese. L’Aversa reagisce al colpo iniziale e alla prima accelerazione fa urlare i propri tifosi: Amitrano va via benissimo sulla sinistra al 6’ e mette dentro un pallone al contagiri per Martiniello. Il numero dieci campano a colpo sicuro trova la grande risposta di Giusti, ma sulla respinta non sbaglia e fa 1-0. La Lucchese è stordita e ritrae la testa nel proprio guscio: ne approfitta ancora l’Aversa Normanna al 10’. Cross stavolta dalla destra di del Prete per la testa di Martiniello, che viene perso da Citti e Del Sorbo e colpisce da circa due metri, trovando però il grandissimo riflesso di Giusti. I rossoneri riprendono quota dopo il 15’, e spaventano i granata con un paio di occasioni sventate sotto porta dall’ottimo tempismo dei due centrali De Matteis e Calvanese. Citti al 18’ ci prova di testa da sotto porta ma manda alto. Lo stesso numero cinque rossonero esce dal campo in barella al 24’ per un colpo ricevuto durante un contrasto di gioco, tra gli applausi – bellissimi – di tutto il pubblico del “Turina”. Passando dal bordocampo al campo non c’è molto da raccontare, almeno fino al 30’, quando la trasferta a Salò dei rossoneri diventa un incubo: palla bassa nel mezzo di Russo, Centi sporca ma la lascia lì per il tap in da pochi passi ancora di Martiniello, vero trascinatore quest’oggi. La Pantera è ferita ma non ci sta: si butta a testa bassa alla ricerca del goal che potrebbe riaprire i giochi, ma i circa cinque minuti di dominio territoriale sono piuttosto sterili. Sul finire della prima frazione la Lucchese rischia ancora sull’accelerazione di Russo a destra, che entra in area e viene chiuso in uscita da Giusti. I ragazzi di Chianese chiudono un primo tempo che sfiora la perfezione: dietro la Lucchese è annullata e davanti è punita da uno straordinario Martiniello

Nella ripresa Niccolai si gioca la carta Bragadin, che entra al 49’ al posto di Cordoni per dare una scossa al match in salita. Ci sono pochi spazi e l’Aversa si chiude bene, ma la Pantera ha la miglior chance della sua partita al 51’: Russo prima viene murato da circa cinque metri, poi sulla respinta Bragadin manda alto di un soffio sopra la traversa. Ancora il numero tredici pericolosissimo: entra da destra in area ma viene chiuso da un grande salvataggio di Del Prete. La partita si alza di ritmo e la Lucchese comincia a far paura: prima Bragadin mette Russo solo davanti alla porta, ma il numero dieci rossonero non controlla bene e si fa rimontare dalla difesa ospite; poi ancora il neoentrato, che guadagna un preziosissimo calcio di rigore sull’intervento scomposto di Fabozzi. Va Cristofan sul dischetto e la riapre con un piatto destro che spiazza Salese. La Lucchese ora ha cambiato volto, è ordinata, pulita e spinge sulle ali dell’entusiasmo puntando molto sull’out di destra, dove Bragadin è una vera furia. All 82’ però Martiniello sfiora la tripletta, cercando la rete con una deviazioni in tuffo dal cross ancora di Amitrano: il pallone si spegne a lato di un soffio. Sull’altra sponda Russo ci prova con una saetta di destro dai venticinque metri, ma il pallone termina sopra la traversa. Le squadre sono lunghe e adesso è l’Aversa che ha l’occasione per chiuderla: Marzano si presenta all’88′ davanti a Giusti, ma si fa ipnotizzare dal numero uno rossonero, che compie un altro miracolo sul centrocampista di Chianese. In pieno recupero Cristofan ha sul sinistro la palla del pareggio, ma la sua conclusione da posizione defilata attraversa tutto lo specchio della porta e si spegne sul fondo.

Al triplice fischio l’Aversa Normanna conquista la finale del Campionato Berretti con una prestazione da incorniciare: la doppietta di Martiniello lancia i granata di Chianese a 90’ dallo Scudetto. Dall’altro lato, la Lucchese di mister Niccolai esce sconfitta dopo tredici, straordinari risultati utili consecutivi: la Pantera si accascia al suolo con onore, dopo un secondo tempo in cu avrebbe meritato anche qualcosa di più di un’amara sconfitta.

IL TABELLINO

Lucchese: Giusti, Centi (24’ Contini), Tolaini, Capasso, Citti, Del Sorbo, Manauzzi (70’ Pavi), Meucci, Cristofan, Russo, Cordoni (49’ Bragadin). A disp.: Leon, Cocciolo, Pecori, Ricci. All.: Niccolai.

Aversa Normanna: Salese, Del Prete, Amitrano, Venditti (63’ Celentano), De Matteis, Calvanese, Russo (68’ Romano), Marzano, Finizio, Martiniello, Granata G. (53’ Fabozzi). A disp.: Granata A., Petricciuolo, Aprile, Cimitile. All.: Chianese.

Reti: 6’ Martiniello, 30’ Martiniello, 60’ Cristofan (Rig.).

Note: ammoniti 65’ Meucci, 72’ Amitrano.

Arbitro: Sig Zanonato di Vicenza coadiuvato dagli assistenti di linea Sig. Lipizer di Udine e Zancanaro di Treviso.

Leave a Comment

(required)

(required)