Final Eight Primavera – Roma-Lazio 0-1: i biancocelesti volano in finale, decide ancora Rossi

Final Eight Primavera – Roma-Lazio 0-1: i biancocelesti volano in finale, decide ancora Rossi

Dopo i quarti di finale svolti tra Genova e Savona, è quest’ultima città ad ospitare il derby della Capitale tra Roma e Lazio. Le due squadre romane si incontrano per la quinta volta in stagione – dopo le doppie sfide in campionato e Coppa Italia – nella semifinale delle Final Eight valide per lo scudetto Primavera. Una sfida sentitissima che tutta Italia segue con grande interesse.

ROMA-LAZIO 0-1, IL TABELLINO

Marcatori: 99′ Rossi (L)

ROMA (4-3-3): Marchegiani; De Santis, Capradossi, Calabresi, Sammartino; Pellegrini, Machin, Ndoj (57′ D’Urso); Cedric (62′ Verde), Vestenicky, Ferri (105′ Soleri). A disp.: Pop, Paolelli, Adamo, Marchizza, Vasco, Di Livio, Di Mariano, Calì, Belvisi. All. De Rossi.

LAZIO (4-3-3): Guerrieri; Pollace, Mattia, Prce, Seck; Murgia, Pace (81′ Silvagni), Verkaj (69′ Condemi); Tounkara, Fiore (56′ Rossi), Palombi. A disp.: De Angelis, Cotticelli, Germoni, Manoni, Capuano, Rokavec, Milani, Dovidio, Folorunsho. All. Inzaghi.

ARBITRO: Illuzzi (sez. Molfetta). ASS.: Lanotte- Lacalamita. IV: Schirru.

NOTE. Ammoniti: 82′ Mattia (L), 90′ Tounkara (L), 107′ Seck (L), 114′ Prce (L)

Recupero: 3′ st, 1′ sts.

PRIMO TEMPO – Le due squadre partono subito forte, consapevoli dell’alta posta in palio, ma nonostante gli alti ritmi la sfida è molto tattica e le occasioni nei primi minuti latitano. Il primo a provarci è Tounkara, con una conclusione da fuori area che Marchegiani blocca in presa. Al 10′ è lo stesso attaccante spagnolo a rendersi pericoloso, ma la sua conclusione viene deviata in calcio d’angolo dal provvidenziale intervento di Sammartino. La risposta della Roma avviene al 18′, quando Prce sbaglia a leggere la situazione e tiene in gioco Pellegrini lanciato dalle retrovie: il centrocampiosta della Roma, contrastato dall’uscita di Guerrieri, anticipa l’estremo difensore ma il suo tocco al volo finisce a lato. Il match è combattuto ma regala poche occasioni da gol: i giallorossi trovano la rete al 36′ con Pellegrini, ma il guardalinee alza la bandierina un istante prima della conclusione del centrocampista della Roma e l’azione sfuma. L’occasione più clamorosa della prima frazione capita pochi minuti più tardi: la squadra di De Rossi si fa sorprendere in contropiede e Fiore serve un pallone d’oro a Palombi, ma un intervento strepitoso di Marchegiani gli nega la gioia del gol e salva il risultato. Nel primo tempo non accade nient’altro e le due squadre vanno negli spogliatoi sullo 0-0.

SECONDO TEMPO – La ripresa si apre con una leggera supremazia territoriale da parte della Lazio, che conquista qualche tiro dalla bandierina ma non si rende pericolosa dalle parti di Marchegiani. La gara non si sblocca ed entrambi gli allenatori si giocano le proprie carte dalla panchina, inserendo D’Urso e Verde da una parte ed il “talismano” Rossi dall’altra. La prima occasione degna di nota parte dai piedi di Vestenicky, che ci prova da fuori area ma non trova lo specchio della porta. Il match si accende attorno alla mezz’ora: la stanchezza inizia a farsi sentire e le squadre si allungano, favorendo le iniziative dei singoli. Ci provano in rapida sequenza Verde e Pellegrini, ma in entrambi i casi la Lazio si salva e mantiene la sfida a reti inviolate. Allo stadio di Savona inizia a piovere copiosamente e le squadre rallentano i ritmi, tentando gli ultimi assalti in cerca della vittoria. L’occasione più nitida capita al 93′, quasi involontariamente, sui piedi di Pellegrini, che impatta in modo scoordinato un cross di Ferri dalla sinistra deviato precedentemente da Vestenicky, spingendo il pallone poco alto sulla traversa. Il duplice fischio dell’arbitro manda le due squadre all’extra-time.

TEMPI SUPPLEMENTARI – Al 93’ ci prova Tounkara, la conclusione del senegalese termina abbondantemente fuori. Pochi minuti dopo replica Silvagni su punizione, ancora nulla di fatto. La gara si sblocca al 99’, ancora ad opera di Alessandro Rossi, al terzo gol consecutivo. Retropassaggio errato di Marchegiani, Tounkara intercetta e serve Rossi, che con freddezza mette dentro per il vantaggio laziale. La Roma reagisce con rabbia, Vestenický e Ferri ci provano con conlusioni velenose ma l’occasione più clamorosa la sbaglia la Lazio con Tounkara. 45Il secondo tempo supplementare inizia con una rete annullata giustamente alla Roma: Calabresi aveva messo dentro di testa, ma la posizione del difensore era irregolare. Si scatena Soleri che è il più pericoloso dei suoi, ma l’imprecisione e la difensa biancoceleste non gli permettono di pareggiare. La Roma si riversa all’attacco ma con poca lucidità, la Lazio è brava a contenere e a far passare i minuti. Finisce sul punteggio di 1-0 per i biancocelesti: Alessandro Rossi, dopo essere stato decisivo ai play-off e in semifinale contro l’Inter, regala alla Lazio la finale Scudetto.

Leave a Comment

(required)

(required)