Esclusiva MP – Sassuolo, Mister Mandelli: “Buono l’atteggiamento messo in campo, ma dobbiamo migliorare sul piano tecnico-tattico”

Esclusiva MP – Sassuolo, Mister Mandelli: “Buono l’atteggiamento messo in campo, ma dobbiamo migliorare sul piano tecnico-tattico”

Il mister del Sassuolo Primavera Paolo Mandelli, raggiunto dagli inviati di MondoPrimavera al termine della partita persa dai neroverdi per tre reti ad una contro la Fiorentina Primavera, ha voluto commentare la prestazione dei suoi ragazzi concedendo una breve intervista.

Mister, iniziamo dalla partita: il risultato di 3 a 1 non rispetta fedelmente quanto visto in campo, viste le occasioni non sfruttate da parte dei suoi ragazzi sul 2 a 1. Concorda con questa analisi?

Sì, sicuramente la Fiorentina ha fatto un’ottima partita; noi siamo partiti un po’ timorosi e, sebbene loro abbiano fatto meglio di noi, il risultato di 2 a 0 nel primo tempo è apparso forse un po’ troppo largo. Anche perché pur non giocando bene avevamo avuto due occasioni importanti per segnare, poi nel secondo tempo abbiamo messo un coraggio ed un furore agonistico diversi che hanno fatto sì che trovassimo il gol del 2 a 1 e quelle tre o quattro situazioni dove forse potevamo fare sicuramente di più per ottenere il pareggio. Però dobbiamo fare meglio dal punto di vista del gioco e della manovra; se l’atteggiamento messo, la cattiveria agonistica, è quella giusta, dal punto di vista tecnico e del gioco invece possiamo e dobbiamo fare meglio.

La sua è una squadra che ha grandi margini di miglioramento a vederla dall’esterno, anche perché 8/11 della formazione titolare sono nuovi; crede che la prestazione della sua squadra, anche alla luce dell’aspetto appena evidenziato, sia comunque incoraggiante?

Sì direi che non siano 8/11 rispetto alla formazione dell’anno scorso ma sono di più, poiché l’unico giocatore della Primavera dell’anno scorso è Adjapong; del resto ce ne sono tre o quattro che provengono dai nostri allievi, mentre gli altri sono metà giocatori della Primavera e metà del Parma. Perciò sicuramente è una squadra molto nuova e anche molto giovane per la categoria: abbiamo diciannove ’98 in rosa, senza fuori quota, quindi questi ragazzi dovranno fare il passo che devono affrontare tutti dagli Allievi alla Primavera e lo dovranno fare velocemente. E in più dovranno farlo anche da un punto di vista tecnico-tattico perché la richiesta è un po’ diversa rispetto quella a cui erano abituati.

Alla luce di tutti questi fattori, quali obiettivi si pone il Sassuolo per questa stagione del Campionato Primavera?

Penso che gli obiettivi se li costruiranno loro, ce li costruiremo noi, con il nostro lavoro. Dipenderà da noi in quanto tempo riusciremo a colmare il gap che in questo momento c’è.

Leave a Comment

(required)

(required)