ESCLUSIVA MP – Dimarco: ”Rivincita e finale, adesso al top per prenderci il trofeo. Sulla posizione in campo…”

L’Inter festeggia la qualificazione alla finalissima della 67^ edizione della Viareggio Cup con un 4-0 che profuma di impresa: un successo tanto netto quanto prestigioso, ottenuto su un campo pressoché impraticabile e contro una Roma che, proprio come i nerazzurri, si era presentata alla rassegna viareggina come una delle formazioni più accreditate per il successo finale. Tra i protagonisti del successo interista c’è sicuramente Federico Dimarco: il terzino sinistro nerazzurro si è confermato uno dei pilastri della squadra allenata mister Vecchi, mostrando il suo valore sia da esterno della difesa a quattro che da quinto centrocampista dopo il passaggio al modulo 3-5-2. Mondoprimavera lo ha intervistato in esclusiva nel post partita: Dimarco ci ha raccontato la soddisfazione del successo odierno, l’attesa per la finale di lunedì e le sensazioni di una stagione da incorniciare che lo ha visto anche debuttare con la prima squadra nerazzurra.

Cosa si prova dopo un successo così importante?
“Nonostante un terreno di gioco oltre i limiti della praticabilità siamo riusciti a mettere in campo una grandissima prestazione, che ci ha permesso di portare a casa una vittoria che ci dà grandissima soddisfazione. Un successo col quale ci siamo presi la rivincita sulla Roma, che ci aveva eliminato dalla Coppa Italia, e che ci apre le porte della finale di un torneo prestigioso come il Viareggio.
Hai giocato prima da esterno basso e poi da quinto centrocampista: in quale posizione ti trovi meglio?
“La linea difensiva a quattro è il nostro schieramento abituale, e mi trovo bene giocando da quarto difensore di sinistra. Però, essendo un terzino di spinta, mi sento ancora più a agio quando vengo schierato qualche metro più avanti e posso godere di maggiore libertà di azione”.
Come arrivate alla finalissima dal punto di vista fisico?
“Stasera e domani dovremo cercare di recuperare dalle fatiche di oggi, che si fanno sentire visti i tanti impegni ravvicinati, e al tempo stesso inizieremo a concentrare tutti i nostri sforzi sulla finale di lunedì. Non ho dubbi che riusciremo ad arrivare al top della condizione fisica e mentale. Sappiamo che avremo di fronte un grande avversario, ma dovremo pensare soltanto a noi stessi: abbiamo a portata di mano l’occasione di portare a casa un trofeo importantissimo, che renderebbe splendida una stagione fin qui molto positiva”.
Un’annata che ti ha visto anche debuttare con la prima squadra: può essere la stagione del salto di qualità?
“Non potrei essere più felice del mio rendimento fino a questo momento della stagione. La soddisfazione per l’esordio in prima squadra resta indimenticabile, ma adesso c’è un presente importante sul quale concentrarsi: penso solo alla finale di lunedì, vogliamo conquistare il Viareggio e faremo di tutto per riuscirci”.

Leave a Comment

(required)

(required)