ESCLUSIVA MP – Como, Galia: “Lavoriamo per poterci migliorare sempre di più”

ESCLUSIVA MP – Como, Galia: “Lavoriamo per poterci migliorare sempre di più”

Abbiamo intercetto in esclusiva ai microfoni di MondoPrimavera, il responsabile del Settore Giovanile del Como e tecnico della Primavera, Robero Galia. Tra passato, presente e futuro del settore giovanile del club comasco, il dirigente ha raccontato della propria cantèra.

Buongiorno mister e grazie per la sua disponibilità. Nella stagione che si è appena conclusa le formazioni Berretti e Allievi Lega Pro sono tra le migliori otto squadre d’Italia. E’ soddisfatto?

“La Berretti e gli Allievi Lega Pro sono due annate dove siamo riusciti a costruire qualcosa di buono.  Sappiamo benissimo che faremo questo salto e quindi affronteremo un Campionato Primavera e Allievi Nazionali A e B che sono tutta un’altra cosa. Ci sono giocatori di stazza, di forza, di potenza e di qualità diversa. Noi stiamo lavorando per poterci migliorare sempre di più, sappiamo che ci saranno delle difficoltà, ma le supereremo sicuramente.  
Sono passati 11 anni dall’ultima volta che il Como partecipava a questi due campionati ma noi andremo avanti per la nostra strada, mantenendo le due classi 1997 e 1998, aggiungendo qualche giocatore. Cercheremo di migliorarci e di portare qualcuno a esordire con la prima squadra”.

Nella passata stagione e in quella appena iniziata diversi giocatori del vivaio hanno fatto il salto “nei grandi”?

“L’anno scorso due giocatori hanno esordito in Coppa Italia e uno ha fatto anche gol. Nella stagione che è appena iniziata, viste le difficoltà dell’ultimo momento della prima squadra, sono stati aggregati diversi ragazzi che quest’anno faranno parte del formazione Primavera. Vediamo, valutiamo giornalmente insieme al mister della prima squadra e al direttore sportivo nella speranza di riuscire a fare qualcosa di buono. Il nostro settore giovanile è sempre stato strutturato e indirizzato per poter fare questo tipo di ragionamento, ovvero per dare la possibilità ai ragazzi di fare il salto e, quindi, di esordire. 
Sappiamo che sono passati solo tre anni dalla nostra gestione ed è pochissimo per un settore giovanile che raccoglie i frutti del lavoro nel medio-lungo periodo. Con l’avvento di Giancarlo Centi lo scorso anno, Angelo Massola e Mino Favini quest’anno acquisiamo ampi margini di miglioramento: sono persone che conosco benissimo come poter riuscire a fare un discorso del genere”. 

La Primavera che allenerà lei insieme all’ex bandiera della prima squadra Ardito… che ruolo avrà all’interno del girone?

“Sicuramente migliorare il discorso tecnico dei ragazzi. Le avversarie di A e B sono toste, specialmente quelle di Serie A che sono anni che lavorano in questa categoria con l’intenzione di portare ragazzi nella propria prima squadra o, comunque, mandarli in prestito in Serie B  o Lega Pro. Visti i gironi che hanno fatto, in cui hanno mischiato tutto, saranno più avvincenti e più dispendiosi sia sotto l’aspetto economico, sia sotto l’aspetto dei viaggi – e visto che dovremmo girare tutta Italia – sarà un bellissimo campionato”.

 

Leave a Comment

(required)

(required)