EDIZIONE SPECIALE 11 e lode: i migliori 11 del girone d’andata – Girone B

Il campionato Primavera sta osservando il periodo di sosta dovuto alle festività natalizie e le 42 squadre non torneranno in campo prima del weekend del 17/18 gennaio. Nonostante ciò, la redazione di MondoPrimavera.it non si ferma e vuole regalare ai propri lettori un servizio puntuale anche in queste settimane in cui il campionato è fermo. Quest’oggi vi proponiamo un’edizione speciale della nostra rubrica 11 e lode, con la quale ogni settimana diamo spazio ai giovani talenti che si sono messi maggiormente in luce nel corso di ogni giornata. Dato che il campionato è giunto al giro di boa, in questi giorni pubblicheremo ben tre edizioni (clicca qui per quella del Girone A) nelle quali abbiamo schierato la nostra, e vostra viste le segnalazioni ricevute, Top 11 del girone d’andata suddivisa per i tre gironi del campionato, con tanto di sette giocatori in “panchina” per concedere la giusta menzione ad altri giovani meritevoli di far parte della nostra rubrica.

Oggi è il turno del girone B: andiamo a scoprire insieme i migliori 11 del girone d’andata:

PORTIERE:

Alex Meret (Udinese): il portiere classe ’97 dell’Udinese è uno dei migliori giovani portieri in circolazione. Sappiamo tutti da tempo che la formazione bianconera è una fucina di giovani talenti, e negli ultimi anni il vivaio ha sfornato soprattutto portieri, vedi anche Simone Scuffet. Meret ha tutte le carte in regola per ripercorrere le orme del compagno di squadra: il talentuoso estremo difensore si è messo in mostra con diverse parate decisive, che spesso hanno salvato il risultato finale della sua squadra. Sentiremo sicuramente parlare di lui in futuro.

DIFENSORI:

Davide Calabria (Milan): il terzino destro del Milan è stato sicuramente uno dei più positivi della sua squadra nel girone d’andata, dove si è fatto apprezzare sia in zona gol – ben due le reti per il difensore classe ’96 – e sia nei ripiegamenti in fase difensiva. Giocatore di corsa e spinta, macina chilometri sulla fascia destra come pochi altri giocatori nelsuo ruolo, riuscendo sempre ad essere molto lucido nelle giocate. Sempre l’ultimo a mollare: un vero lottatore.

Eloge Koffi Yao (Inter): difensore centrale classe ’96, Yao è uno dei pilastri della formazione nerazzurra allenata da mister Vecchi. Quando nel reparto arretrato si ha un giocatore come lui, non si può far altro che stare tranquilli. Molto forte fisicamente e attento sulle palle aeree, guida la difesa dell’Inter con la sicurezza di un veterano. Yao ha disputato fin qui tutte le partite da titolare, a dimostrazione che Vecchi punta molto sul giovane centrale della Costa D’Avorio. Se l’Inter è una delle migliori difese del campionato Primavera, lo si deve in buona parte alle sue ottime prestazioni.

Lorenzo Saporetti (Cesena): il Cesena è la seconda miglior difesa del girone B con appena 13 reti subite, ed ecco che tra i migliori spunta proprio Lorenzo Saporetti. Il centrale romagnolo ha giocato praticamente tutte le partite del girone: fisicità e senso della posizione sono le sue armi migliori e sono pregi che non tutti i difensori hanno. Diverse le prestazioni impeccabili sfoderate questa stagione, ma in particolare ricordiamo quella contro l’Inter dove è riuscito a marcare il capocannoniere Puscas senza concedergli alcuno spazio.

CENTROCAMPISTI:

Marcello Sereni (Sassuolo): sempre presente nello scacchiere di mister Mandelli, il giovane Sereni, trequartista o esterno d’attacco, non poteva di certo mancare nella nostra top 11. Il Sassuolo è la rivelazione del girone B ed in parte lo deve alle prestazioni del talento modense, spesso decisivo con i suoi gol per i risultati ottenuti dai neroverdi. Sei gol all’attivo sono un bel bottino, che gli è valso anche diverse chiamate con la prima squadra: con i grandi per ora ha disputato solo qualche amichevole, ma chissà che in futuro, se continuerà su questa strada, non possa anche arrivare l’esordio nella massima serie.

Alessandro Mastalli (Milan): capitano e metronomo della formazione rossonera, con le sue giocate illumina il reparto di centrocampo del Milan. Abile palla al piede e molto propenso agli inserimenti, riesce sempre a distinguersi uno dei migliori della squadra rossonera, con la quale ha collezionato finora tre reti ed un assist. Mister Brocchi gli ha anche affidato la fascia di capitano, proprio perché ha visto in Mastalli un giocatore in grado di trascinare i compagni in campo verso la vittoria. Inzaghi lo conosce molto bene e chissà che presto non lo si possa vedere a guidare il centrocampo della prima squadra del Milan.

Andrea Palazzi (Inter): la gioia dell’esordio con la prima squadra in Europa League non la scorderà mai: grazie alle sue prestazioni con la Primavera dell’Inter, il giovane Palazzi sta coronando un sogno. Centrocampista molto tecnico, in grado di dare ordine a centrocampo, dà del tu al pallone e gioca sempre a pochi tocchi, qualità fondamentale sia per evitare il pressing avversario e sia per velocizzare la manovra d’attacco. Nel suo bilancio più che positivo di questa stagione ci sono anche un paio di gol, uno in campionato ed uno in Coppa.

Nabil Jaadi (Udinese): centrocampista sul quale l’Udinese punta moltissimo, giunto in estate dall’Anderlecht, la società friulana lo sta facendo giocare con la Primavera per non fargli perdere il ritmo partita. Jaadi sta dimostrando ampiamente il proprio valore: sono infatti già cinque le reti messe a segno in dodici presenze, che sono valse l’inserimento nella nostra top 11 del giovane marocchino con passaporto belga. Velocità e tecnica le sue armi migliori in grado di perforare le difese avversarie come burro.

ATTACCANTI:

George Puscas (Inter): numeri spaventosi per il giovane attaccante rumeno dell’Inter: dieci presenze per lui e ben quindici reti messe a segno, ovvero un gol ogni 60′ circa. Puscas è un attaccante completo, forte di testa, di piede, tecnico e dotato di un buon fisico: non gli manca nulla. Bomber puro con un innato fiuto del gol, è già stato convocato nella Nazionale maggiore del suo paese, ed è soltanto un ’96. Impressionante l’exploit di questo ragazzo, che sta dimostrando di potersi meritare l’esordio nella prima squadra di Mancini. Ad inizio stagione si è distinto per aver segnato cinque reti nella stessa partita (contro il Lanciano), mentre più avanti si è ripetuto con una bella tripletta nel derby.

Gabriele Moncini (Cesena): dopo Puscas, Moncini è sicuramente uno degli attaccanti più forti del girone B: dodici reti in tredici presenze sono infatti bottino da bomber di razza, capace di segnare molti gol decisivi per il suo Cesena. Se la squadra romagnola si trova al quarto posto in classifica, parte del merito la deve a Moncini. La sua miglior partita stagionale l’ha sfoderata contro l’Inter, dove un suo gol ha permesso alla sua squadra di fermare la cavalcata dei nerazzurri. Il fatto che sia stato impiegato in tutte le partite è segno che la società punta molto su di lui ed infatti, non a caso, spesso si allena con la prima squadra.

Kevin Yamga (Chievo): inizio di campionato formidabile per il giovane attaccante francese, che ha trascinato il Chievo nelle prime partite di campionato per poi accusare un leggero calo nella seconda parte del giorne d’andata. Nel periodo di flessione, però, gli è mancato solo il gol, perché comunque si è sempre reso protagonista di buone prestazioni. Con i suoi dieci gol non poteva finire nel dimenticatoio e così eccolo qui nella nostra top 11 del girone B. La miglior prestazione alla terza giornata, con la tripletta al Cesena che hanno consacrato il giocatore come uno dei pilastri della squadra clivense.

PANCHINA:

Nomi “illustri” compongono la panchina di questa nostra Top 11, giocatori che nonostante, a nostro giudizio, siano stati meno brillanti dei loro colleghi finiti tra i nostri “titolari”, hanno comunque messo in mostra un grande potenziale e il loro talento. Come guardiano dei pali abbiamo scelto Gianmarco Celeste, uno dei protagonisti del bel campionato disputato finora dal Sassuolo. Il numero uno neroverde ha contribuito con le sue parate alla solidità difensiva della sua squadra, la seconda meno battuta del girone B. In difesa abbiamo scelto Oliver Posarelli del Chievo e Davide Vitturini del Pescara: al pari di Sassuolo e Cesena, il Chievo è la seconda miglior difesa del campionato ed abbiamo optato per l’inserimento del centrale classe ’96 in quanto lo abbiamo ritenuto uno dei più positivi del girone d’andata; per quanto riguarda Vitturini, invece, alle nove presenze complessive in Primavera ha aggiunto due gettoni in Serie B, con tanto di prestazioni molto positive (soprattutto quella sfoderata all’esordio, da 7 in pagella). Passiamo adesso al centrocampo, dove abbiamo inserito Mario Pugliese dell’Atalanta: il primo, centrocampista molto duttile, ha disputato una prima parte di campionato molto positiva, tanto da meritarsi la convocazione in Nazionale Under 19 ed un elogio speciale da un certo Arrigo Sacchi, non proprio l’ultimo arrivato. A far compagnia a Pugliese troviamo Giulio Bizzotto del Cittadella: nonostante la classifica non sorrida ai veneti, abbiamo scelto Bizzotto per il suo ottimo girone d’andata a livello personale, viste le 7 reti messe a segno in campionato e la doppietta realizzata in Coppa Italia, che fanno di lui l’uomo chiave della formazione granata. Veniamo ora all’attacco: il girone B è stato molto prolifico e gli attaccanti che si sono messi in luce sono stati davvero molteplici. Non è stato semplice ridurre la “rosa” dei bomber da inserire nel nostro 11 e lode e, alla fine, le nostre scelte sono ricadute su Davide Di Molfetta del Milan e Mohamed Fares dell’Hellas Verona. Il reparto offensivo del Milan è il migliore del girone con ben 43 reti segnate finora, delle quali 7 portano la firma di Di Molfetta, sceso in campo in otto occasioni e autore di una partenza con il botto (5 gol nelle prime tre giornate). Per quanto riguarda l’attaccante francese dell’Hellas, invece, i gol segnati sono 5 ma le prestazioni offerte da Fares sono sempre state molto positive ed hanno contribuito a spingere la formazione scaligera fino all’attuale quarta posizione. 

Top 11 girone d'andata (girone B)

Leave a Comment

(required)

(required)