La denuncia di Simoncini: ”Nel calcio di oggi a 21 si è già giovani-vecchi”

  • Filippo Ferraioli
  • in

David Simoncini rischia di essere uno dei tanti giovani talenti sedotti e abbandonati dal calcio professionistico. Terzino classe 1991, cresciuto nel settore giovanile dell’Empoli e reduce da tre stagioni in Lega Pro disputate con le maglie di L’Aquila, Pontedera e Pisa, sta vivendo una non facile estate da svincolato. Simoncini è stato intervistato dai microfoni di Tuttolegapro, e ha parlato della complicata situazione dei giovani che si affacciano al calcio professionistico: “Il nostro sistema sarebbe da rivedere da cima a fondo, perché le troppe regole e i vincoli “all’italiana” fanno male ai giovani, anziché valorizzarli. Purtroppo le società si trovano spesso con poche alternative, e pur di portare a casa qualche contributo in grado di farle sopravvivere sono costrette ad adeguarsi. Ci sono tanti esempi di ragazzini che si affacciano al calcio dei grandi, venendo illusi e poi abbandonati rischiando di ritrovarsi a 21-22 anni senza un contratto perché già “troppo vecchi”. Serve grande forza mentale per non mollare e continuare a lottare per il proprio sogno. Il mio futuro? Ho ricevuto alcune offerte, cerco un progetto valido per esprimermi con continuità e rilanciarmi; sono molto determinato e voglioso di dimostrare le mie qualità”.

Leave a Comment

(required)

(required)