Campionato Primavera, Lazio-Napoli 1-3: black-out biancoceleste, i partenopei ringraziano

Nell’anticipo del sabato mattina, arriva subito un risultato a sorpresa per la vetta del girone C: il Napoli sbanca il Fersini in rimonta, dopo quattro mesi di imbattibilità casalinga la Lazio viene sconfitta tra le mura amiche.

Entrambi gli allenatori partono con il consueto 4-3-3: Inzaghi deve rinunciare a Tounkara (distorsione durante la rifinitura per lo spagnolo, ancora incerti i tempi di recupero), mentre Saurini in avanti si affida al tridente Bifulco-Persano-Gaetano. Parte subito forte la Lazio, con il solito Palombi che sfiora la rete nei minuti iniziali. Il vantaggio si concretizza qualche minuto più tardi grazie ad una punizione rasoterra di Murgia, sulla quale il portiere partenopeo ha più di una colpa. Al 16′ biancocelesti in vantaggio, con il raddoppio che sarebbe potuto arrivare al 23′. Su calcio d’angolo Verkaj cade in area, la dinamica dell’azione è dubbia ma l’arbitro concede il penalty. Dal dischetto va il capocannoniere Palombi, ma Contini si fa perdonare con una grande parata, sul rigore e anche sulla ribattuta. Il risultato rimane inchiodato sull’1-0, la svolta della gara sta tutta nel mancato raddoppio della Lazio.

Il secondo tempo vede in campo un altro Napoli: gli azzurri iniziano a crederci e trovano il gol del pareggio al 51′: dormita generale della difesa laziale, Bifulco serve un assist al bacio a Romano che non sbaglia, è 1-1. La Lazio prova a reagire, ma al 63′ arriva addirittura il vantaggio del Napoli: Germoni trattiene Bifulco in area, l’arbitro concede un nuovo rigore e, al contrario di Palombi, Prezioso mette dentro per il 2-1. Inzaghi prova ad affidarsi ai cambi, con Milani, Rossi e Rokavec gettati nella mischia, ma serve a poco. Mancano le prestazioni degli uomini migliori della Lazio, che in bambola subisce anche il terzo gol. Al 77′ è ancora Prezioso a trafiggere Guerrieri, mettendo a segno la doppietta personale. Il finale di gara è nervoso, c’è spazio per tante ammonizioni e per i cambi partenopei. Finisce così, con il Napoli che espugna il “Fersini” e si conferma vera e propria bestia nera per la Lazio.

LAZIO-NAPOLI  1-3, IL TABELLINO DELLA GARA:

Marcatori: 9′ Murgia (L) 51′ Romano (N) 64′ rig., 77′ Prezioso

LAZIO (4-3-3): Guerrieri; Pollace (Cap.), Mattia, Prce, Germoni; Murgia, Pace, Verkaj (50′ Rokavec); Palombi (68′ Milani), Fiore (59′ Rossi), Oikonomidis.
All.: Simone Inzaghi.
A disp.: De Angelis, Antonucci, Dovidio, Quaglia, Rokavec, Borecki, Manoni, Capuano, Rossi, Milani, Collarino.

NAPOLI (4-3-3): Contini; Girardi, Mangiapia, Luperto, Guardiglio; Prezioso, Palmiero (Cap.), Romano; Bifulco, Persano (89′ Negro), Gaetano.
All.: Giampaolo Saurini.
A disp.: Gionta, De Simone, Di Fiore, Lombardi, Selva, Esposito, Negro, Cicerello.

ARBITRO: Vincenzo Fiorini (Frosinone).

Assistenti: Cecconi – Rapollini.

Note: Ammoniti Girardi (N) Fiore (L) Palmiero (N).

Leave a Comment

(required)

(required)