Brescia, sconfitta per 2-1 contro lo Shakhtar di Lucescu. Ottima prova delle giovani Rondinelle

Amichevole di lusso, quella andata in scena nella giornata di ieri a Mompiano tra Brescia e Shakhtar Donietsk, in onore di un’ex Rondinella qual è Mircea Lucescu, ex attaccante che ha militato nelle file biancoazzurre tra il 1991 e il 1996. Come raccolto da bresciaoggi.it, la partita è stata molto bella e ha visto un Brescia quasi del tutto rinnovato dai giovani provenienti dalla Primavera, infatti il mister Ivo Iaconi ha lasciato la maggior parte dei suoi senatori in panchina per evitare delle spiacevoli conseguenze che avrebbero potuto fermare qualche giocatore in vista del successivo impegno di Coppa Italia contro il Latina. Tra i più grandi, gioca solo capitan Zambelli, oltre che Razzitti in avanti, per il resto ci sono 9 ragazzi provenienti dalla Primavera come Morosini, Coly, H’Maidat, Ntow, Bertoli, Valotti ed altri. All’inizio viene provato il tandem d’attacco Valotti-Razzitti, con Morosini interno di centrocampo e H’Maidat in cabina di regia. La partita inizia subito in favore dello Shakhtar, che approfitta subito di un’incertezza del giovane portiere Minelli: Gladkyy ruba la palla ed insacca. Il Brescia reagisce immediatamente con Valotti, che viene servito splendidamente da Bertoli dopo una sgroppata di quest’ultimo fino al fondo condita da una serie di dribbling, ma il tiro in voleè viene deviato da Kanibolotskiy in tuffo. Poco dopo, Razzitti si accende: prima consegna una punizione da buona posizione che H’Maidat spedisce alta, e poi si ritrova uno contro uno con Kanibolotskiy, salvo poi tirare addosso al portiere ucraino. Finalmente al 43′ arriva il pareggio del Brescia, un gran gol di Valotti che infila il portiere dei campioni d’Ucraina su assist di un ottimo Razzitti. Il primo tempo termina sull’1-1, e nel secondo tempo Iaconi fa entrare Scaglia per Benali e Arcari per Minelli; è specialmente il portiere classe ’78 a mettersi in mostra risolvendo diverse volte delle situazioni difficili, grazie anche all’aiuto di Zambelli e del giovane Lancini, in avanti invece ci pensano Morosini e Valotti a comporre il tandem d’attacco, già visto più volte negli anni della Primavera. I due impegnano più volte il neo entrato portiere degli ucraini Sarnavaskiy, ma è lo Shakhtar a tornare in vantaggio, ancora una volta con Gladkyy, che segna di testa su assist di Dentinho. Il Brescia si sveglia e cerca di riportare il match sul pareggio, e crea diverse occasioni con i due giovani attaccanti, specialmente Morosini al 67′ ha la palla del possibile pareggio dopo essere stato imbucato da Scaglia: il ragazzo classe ’95 è solo davanti a Sarnavaskiy, ma calcia a lato. La partita termina 2-1 per la squadra di Lucescu, comunque è stata ottima la prova dei giovani ragazzi messi in campo da Ivo Iaconi, che potrà certamente complimentarsi con il mister della Primavera Ivan Javorcic per le ottime qualità messe in mostra dalle giovani Rondinelle.

Leave a Comment

(required)

(required)