Avellino, il presidente Taccone: “Chiedo scusa per i fatti di sabato”

Avellino, il presidente Taccone: “Chiedo scusa per i fatti di sabato”

Ai margini dei lavori del consiglio comunale di Lacedonia, è intervenuto il presidente dell’Avellino Walter Taccone per chiedere scusa alla comunità per i fatti che hanno colpito la Berretti bianco-verde sabato, con la rissa scatenata fuori dal campo tra i giovani irpini e quelli della Lupa Castelli Romani che hanno costretto al ricovero un giovane della rosa dell’Avellino e alla sospensione della partita.

“Chiedo scusa da parte della società e dei suoi addetti alla comunità  di Lacedonia – ha esordito il presidente Taccone – per aver infangato il nome dell’Avellino e del paese. Spero anche la Lupa Castelli Romani faccia le sue scuse alla comunità. Il calcio deve essere aggregazione, quando succedono cose come quelle di sabato, viene meno questo ruolo. L’Avellino non si costituirà parte civile contro nessuno”.

Il numero uno irpino ha poi parlato del progetto giovanile, confermando la propria fiducia ai nuovi dirigenti del vivaio. Ha visitato il convitto di Lacedonia e le scuole in cui studiano i diversi ragazzi arrivati da tutta Italia. All’incontro era presente anche il coordinatore Enzo Vito, che ha smentito ancora una volta di essersi spacciato come sindaco di Lacedonia nella sfida del Campionato Primavera tra Avellino e Bari dieci giorni fa.

 

Fonte: Ilmattino

Leave a Comment

(required)

(required)