11 e lode: i migliori della 2^ giornata scelti da MondoPrimavera

Torna puntuale l’appuntamento con 11 e lode, la rubrica settimanale dedicata alla Top 11 della giornata di campionato primavera scelta in base alle opinioni della redazione di MondoPrimavera.it e alle segnalazioni dei nostri lettori tramite la pagina Facebook. L’edizione di questa settimana, la seconda della stagione 2015-2016, si presenta con un 4-3-3 che ci permette di esaltare le caratteristiche dei giocatori scelti. Ma andiamo con ordine, e andiamo a presentare uno per uno i magnifici undici della 2^ giornata del Campionato Primavera: una squadra da “11 e lode”.

PORTIERE:

Mattia Cavana (Novara):  Nell’ultima gara di campionato del Novara contro il Genoa, l’estremo difensore azzurrino classe 1997 è stato provvidenziale nei 90′ minuti: su tutti spiccano due interventi miracolosi che hanno sventato i tentativi della corazzata rossoblu tragati Ghiglione e Panico mantenendo il punteggio sullo 0-0. Le sue mani e la sua esplosività hanno permesso al Novara di mister Gattuso di conquistare il primo punto in campionato. Mattia Cavana ha blindato la sua porta, crediamo che gli attaccanti avversari dovranno presto abituarsi visto che probabilmente non avranno vita facile nel gonfiare la rete all’ex portiere del Milan, giunto quest’estate a Novara.

DIFENSORI:

Claud Adjapong (Sassuolo): il terzino del Sassuolo classe ’98 si è iscritto di diritto nella nostra Top 11 di giornata poiché ha segnato uno dei due gol che hanno permesso ai neroverdi di battere la Sampdoria. Partita di grande spessore la sua, sia in fase difensiva che in fase di spinta, dimostrando una buona facilità di corsa e anche qualità nei cross e nelle giocate.

Layousse Diallo (Fiorentina):  ottima prova per uno dei nuovi arrivati in casa viola. Convocato e schierato per la prima volta dal tecnico gigliato Guidi nella gara di sabato scorso contro il Livorno, Diallo ha ripagato la fiducia dell’allenatore siglando dopo sei minuti la rete del vantaggio sugli sviluppi di un corner. Sicuro in fase difensiva nel resto della gara, contro un Livorno che ha creato non pochi problemi alla retroguardia della Fiorentina.

Anton Kresic (Atalanta): un gol e una prestazione degna di nota nel pareggio contro l’Inter. Anton Kresic, croato classe ’96, entra di diritto nella nostra top 11 grazie alla sua zampata, su una brutta uscita di Radu, che ha portato in vantaggio i bergamaschi. Reja lo tiene d’occhio e l’ha voluto in ritiro con sé. E dal canto suo Kresic continua a sovrapporre ottime prestazioni per convincere del tutto il mister della prima squadra.

Davide Seminara (Empoli):  prestazione da incorniciare quella del terzino sinistro empolese, che con le sue sgroppate sulla sinistra e l’opportunismo degno di un rapinatore d’area di rigore ha messo la sua firma in calce al primo successo azzurro. È suo il tocco in mischia che vale il pareggio, mentre pochi minuti più tardi parte dal suo mancino educato il cross per il tacco vincente di Falorni. Il tutto condito da una prova solida e attenta in fase di copertura e da un altro gol sfiorato in avvio di ripresa, per completare il quadro del terzino ideale della settimana.

CENTROCAMPISTI:

Alessio Murgia (Cagliari): il centrocampista della squadra sarda è stato autore di un’ottima partita. Giocando con qualità, precisione e senza sbagliare nulla. È lui uno dei trascinatori di questo Cagliari, che vince e convince contro il Chievo, e si trasforma anche in uomo gol siglando la rete del definitivo 2-0. Oltre al gol, che è stata la ciliegina sulla torta, ha aiutato molto i compagni in entrambe le fasi di gioco.

Simone Cerri (Spezia): lo Spezia guida il Girone A a punteggio pieno dopo due vittorie di misura nelle prime due giornate. Se la prima gara è stata decisa da Maggiore, anche il secondo successo porta la firma di un centrocampista: si tratta di Cerri autore, all’11’ della prima frazione, del gol che ha consegnato i tre punti ai liguri contro la Pro Vercelli. Il suo tiro da fuori area si insacca all’incrocio dei pali e tanto basta per decidere un match importante che consente alla squadra di Gallo di rimanere al primo posto in classifica.

Mhando Carte Said (Brescia): il talentuoso trequartista del Brescia ha siglato una doppietta nel match contro il Bologna di sabato e ha permesso alle rondinelle di portare a casa tre punti importantissimi. Tecnica, rapidità e fiuto del gol le sue doti che sono balzate all’occhio dopo questa partita. Si è guadagnato la menzione nella nostra Top 11 con la sua eccellente prestazione.

ATTACCANTI:

Andrea Vassallo (Milan): Giornata da incorniciare per l’attaccante rossonero classe 1997 Andrea Vassallo. Contro il Como ha sfoggiato tutte le sua qualità trascinando i compagni di squadra verso la prima vittoria stagionale. Velocità, forza fisica, tiro potente e un’ottima tecnica lo fanno una delle punte di diamante dell’attacco faraonico a disposizione di mister Brocchi. Nell’ultima gara, proprio contro i lariani di mister Galia, è finito sotto i riflettori per la sua prestazione sopra le righe condita dalla la sua prima tripletta di questa stagione. In quest’occasione Vassallo ha sfoggiato tutto il suo repertorio segnando due gol di potenza da fuori area e un gol di fino con un colpo di testa a scavalcare il malcapitato Maimone. Vassallo ha ingranato la marcia ed è volato in cima alla classifica marcatori del Girone B. Di questo passo sarà dura per mister Brocchi lasciarlo fuori e sarà certamente un campanello d’allarme per i difensori avversari che dovranno contenerlo sull’out di destra.

Umar Sadiq (Roma): semplicemente devastante. Facciamo fatica a trovare nuovi aggettivi per descrivere le prestazioni del bomber nigeriano, passato in estate alla Roma. Una sola gara di campionato giocata finora e tanto gli basta per prendersi momentaneamente lo scettro di capocannoniere: ben quattro i gol rifilati al Napoli nell’arco di un match in cui ha messo in mostra tutto il proprio repertorio. Un attaccante incontenibile che, in coppia con la freccia Nura, fa impazzire le difese e proietta la Roma a punteggio pieno dopo due giornate.

Davide Di Napoli (Virtus Lanciano): il Lanciano vince, dopo molte sconfitte, un match nel campionato Primavera e lo deve in gran parte ad uno dei suoi gioielli. Si tratta di Di Napoli, esterno sinistro che ha realizzato addirittura una tripletta contro l’Ascoli. Immarcabile per tutto l’arco dei 90′, è stata una vera e propria spina nel fianco per la difesa marchigiana che ha subito un pesante passivo.

PANCHINA: Dopo aver scelto gli undici titolari, mettiamo in questa Top 11 anche altri ragazzi meritevoli e che mettiamo quindi nella nostra panchina virtuale. Tra i portieri troviamo Sommariva del Genoa, lui autore di una grande partita con un paio di parate decisive sugli attacchi del Novara. In difesa troviamo Piantini e Gravillon: il primo, difensore del Livorno, ha segnato addirittura una doppietta che però è servita a poco vista la sconfitta contro la Fiorentina; Gravillon invece ha avuto il merito di segnare il gol del pareggio contro l’Atalanta e di far quindi raccogliere un punto all’Inter. Sulla linea mediana troviamo Clemenza e Battista. Il trequartista bianconero Clemenza è entrato ed ha letteralmente cambiato la partita, segnando il gol del pareggio nel derby tra Juventus e Torino e rendendosi pericoloso in altre circostanze. Per Battista, invece, si tratta della prima perla in campionato che ha portato i tre punti alla Ternana ed il primo posto in classifica. In attacco tris di bomber: Volpe, Tupta e Moccia. Volpe ha messo a segno doppietta nel match tra Frosinone ed Empoli ed ha retto l’attacco ciociaro da solo. Tupta ha siglato il gol decisivo a pochi minuti dal suo ingresso in campo: la sua rete è bastata al Verona per battere il Cesena. Infine Moccia del Bari, il quale ha segnato il gol del 2-1 con cui i pugliesi hanno sconfitto l’Avellino.

 

 

Leave a Comment

(required)

(required)